Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

VIRTUS MATINO – Entusiasmo e voglia di fare bene: presentati mister Branà e il ds Bruno

Entusiasmo, voglia di fare bene, determinazione e umiltà. Saranno queste le caratteristiche principali della Virtus Matino che, dopo diversi anni, è ritornata in Promozione e si appresta ad affrontare la stagione agonistica 2019-20 con mister Giuseppe Branà al timone e Antonio Bruno come direttore sportivo, entrambi presentati ieri nella conferenza stampa tenutasi nella sala convegni del Silver Hotel.

Non vede l’ora di iniziare la nuova avventura la presidentessa del sodalizio matinese, Cristina Costantino: “È d’obbligo – ha precisatoprima di cominciare, fare un ringraziamento a mister Antonio Toma, col quale abbiamo trascorso tre anni straordinari che non passeranno mai in secondo piano. La scelta di Branà? È una mia scommessa. Lo abbiamo scelto anche perché è un grande uomo e noi a Matino abbiamo scelto sempre grandi uomini. Ho capito che era la persona giusta dopo averci scambiato tre parole. È motivato e ha voglia di fare bene. spero che questo connubio ci porti ad avere buoni risultati, a fare bel gioco divertendoci e a valorizzare i giovani. Partiremo per il quarto anno come matricola e cercheremo quanto prima di portare a casa la salvezza, ma non ci possiamo accontentare di salvarci e basta. A Natale faremo un primo bilancio, di certo non regaleremo niente a nessuno e punteremo a giocare bene e a farci rispettare”.

Sulla prossima stagione incombe il problema stadio, giacché il Via del Mare sarà indisponibile per diversi mesi per via di alcuni lavori di ristrutturazione urgenti e necessari. Dove giocherà, quindi, la Virtus nel prossimo anno?: “Stiamo valutando diverse soluzioni – ha aggiunto la presidentessa Costantino -. L’Heffort di Parabita? Struttura elegante, ma potrebbero esserci problemi per i tifosi. A Gallipoli ci sono delle problematiche, dobbiamo anche valutare i costi, aspetto non secondario, ma comunque c’è grande feeling con le società vicine e non avremo problemi a trovare una struttura adatta. Certo, perderemo una fascia di tifosi che non si sposterà fuori paese, ma siamo forti e coraggiosi e faremo di tutto per incrementare il coinvolgimento dei nostri sostenitori”. Si valuta, tra le altre, l’ipotesi Collepasso.

Mister Branà, come suo solito, è stato di poche ma chiare parole: “Ho subito accettato la proposta della presidentessa Costantino perché è una persona vera, umile e appassionata e ha voglia di fare bene. Il nostro progetto sarà quello di costruire una bella squadra per fare bene su tutti i campi. La mia politica sarà quella del lavoro sul campo e della valorizzazione dei giovani, con cui mi trovo sempre bene. Il mio modulo? Preferisco sempre giocare con quattro difensori dietro, poi se sarà 4-4-2 o 4-3-1-2 lo vedremo più in là. Cercheremo di imporci su tutti i campi, anche se il prossimo campionato sarà bello tosto, con squadre blasonate come Grottaglie e forse Manduria, ma anche Racale, che saranno protagoniste. Se mi pesa l’eredità di Toma? È un’eredità abbastanza importante ma io vado avanti per la mia strada, non ho mai avuto paura di affrontare le situazioni, anche quelle senza progetto di fondo”.

A chiudere, le parole del neo direttore sportivo Bruno: “Non era mia intenzione scendere di categoria – ha esordito l’ex Avetrana e Leveranoma poi, dopo aver scambiato due parole con la presidentessa, ho deciso di accettare perché mi ha colpito la sua determinazione, umiltà e ambizione, oltre alla sua passione per il calcio e quella di una piazza come Matino. È giusto essere ambiziosi, da parte mia metterò tutta la mia passione e competenza a servizio della società. Come ci muoveremo sul mercato? In questo periodo stiamo valutando degli under, che sono la priorità, oltre a cercare di riconfermare qualche elemento dell’anno passato e di prendere qualche calciatore che abbia le caratteristiche giuste per il modulo prescelto dal mister. La figura di ds in queste categorie, di solito, non esiste. Cercherò di fare il mio lavoro in punta di piedi e di scegliere dei ragazzi che hanno fame di calcio, al di là dei nomi e della categoria da cui provengono”.

Durante la conferenza stampa, poi, si sono susseguiti anche gli interventi dell’assessore allo Sport del Comune di Matino, Massimiliano Romano, che ha parlato delle tempistiche necessarie per gli interventi allo stadio; di Chiara Marsano, collaboratrice della presidentessa Costantino; del vice presidente della Virtus, avvocato Cristian Primiceri, e del responsabile marketing e comunicazione, Giulio Biasi.

(in collaborazione con Davide BOELLIS)