DC SCORRANO – Il presidente De Cagna replica a mister Zappatore: “Nessun esonero, si è dimesso lui. Ora fiducia in mister Manco”

"A tutt'oggi - aggiunge il numero uno della De Cagna 2010 - non riusciamo a capire le reali ragioni che hanno portato a questo triste epilogo. Se i calciatori non riponevao fiducia in lui, noi centriamo ben poco, gli interrogativi se li deve porre qualcun altro, non la società..."

de-cagna-giuseppe-scorrano

Foto: G. De Cagna

Di seguito la replica del presidente Giuseppe De Cagna all’intervista che ci ha rilasciato ieri l’ormai ex allenatore dello Scorrano, mister Loris Zappatore.

Cosa replica alle dichiarazioni del mister che ha palesato mancanza di fiducia nei suoi confronti della società e di parte dei calciatori?

“Rimarco il fatto che mister Zappatore si è dimesso; non è stato esonerato. Una società che non ha fiducia del suo allenatore procede con l’esonero del tecnico; mentre questa società lunedì 23 settembre all’indomani della gara interna giocata contro il Novoli, gara dominata per larghi tratti e con diverse occasioni da gol sciupate, ha dovuto prendere atto della volontà di mister Zappatore di rassegnare le sue dimissioni che sono anche risultate irrevocabili visto che ci sono stati vari tentativi da parte della società di capire dall’interessato quali fossero le ragioni; onestamente a tutt’oggi non riusciamo ancora a comprendere le reali ragioni che hanno portato a questo epilogo nel rapporto con mister Zappatore. Faccio notare che lo staff tecnico, scelto in estate da lui, è rimasto a disposizione della società e del nuovo tecnico, vorrà dire qualcosa. Personalmente voglio far notare, che dopo la sconfitta di Sava, mentre tornavo a casa con un suo collaboratore fidato, allo stesso comunicavo che per nessuna ragione al mondo avremmo mai pensato ad un esonero, e che avremmo portato a termine il campionato con lui, indipendentemente dai risultati, eppure non ero proprio contento della partita e del risultato visto che i gol della squadra avversaria erano arrivati su due nostre gravi disattenzioni. Concludo facendo notare che se un gruppo di calciatori, come sostiene mister Zappatore, non riponeva fiducia nel suo operato, noi come società centriamo ben poco; le aspettative di una società sono che un allenatore sia seguito dall’organico che ha a sua disposizione; e se come sostiene mister Zappatore non era così, gli interrogativi se li deve porre qualcun altro e non la società”.

Come mai non sono state ufficializzate, da parte vostra, le sue dimissioni del 23 settembre e il passaggio di mister Manco dalla Juniores alla prima squadra?

“Come dicevo prima non pensavamo di dover gestire le dimissioni dell’allenatore; pertanto piuttosto che pensare ai comunicati ci siamo dovuti attrezzare per trovare prontamente una soluzione. La nostra priorità, visto che siamo anche persone abbastanza impegnate con il lavoro, non era il comunicato ma salvaguardare il nostro progetto messo in difficoltà dalla immotivata decisione dell’allenatore. Il passaggio di mister Manco dalla Juniores alla prima squadra è stato poi un passaggio naturale. Abbiamo sfruttato la circostanza di aver coinvolto per il progetto Juniores uno dei più validi profili di allenatore del contesto dilettantistico pugliese visto che parliamo di un allenatore che nella sua breve carriera è stato artefice di ben quattro promozioni nelle diverse categorie in cui si è cimentato. Dovendo valutare una soluzione, la scelta è ricaduta su mister Manco al quale auguriamo un buon lavoro, per soddisfare le aspettative di questa società che non sono certamente quelle di arrivare in Serie A, come impropriamente augurato da mister Zappatore, ma di conseguire risultati sportivi, portando avanti anche la memoria di due persone tanto care al sottoscritto”.

In generale, con un punto in quattro partite, cosa non è funzionato sinora nella squadra e quali sono i correttivi che avete intenzione di prendere?

“E’ ovvio che vista la programmazione e il mercato estivo le aspettative della società erano quelle di un inizio di stagione diverso. Ma detto questo ribadisco la circostanza che non c’erano però le condizioni per mettere in discussione dopo poche giornate il progetto tecnico nato in estate. Come dicevo prima non pensavamo di dover gestire le dimissioni dell’allenatore. Adesso confidiamo nel lavoro di mister Manco, riponiamo nel tecnico la nostra totale fiducia e ci aspettiamo da subito una risposta dal campo soprattutto in termini di risultati. La strada è ancora lunga, siamo appena alla quinta giornata di campionato, siamo consapevoli che il campionato è difficile e competitivo, ma siamo molto fiduciosi sul fatto di invertire la tendenza già dalle prossime gare, grazie al lavoro sul campo dei ragazzi, di mister Manco e del suo staff al quale riponiamo tutta la nostra incondizionata fiducia”.

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati