Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Post-Monopoli, Corini ha molti motivi per sorridere

C’è comunque soddisfazione per il rocambolesco pareggio per 2-2 di ieri tra Lecce e Monopoli dalle parole di mister Eugenio Corini. Ecco qualche stralcio dell’intervista post-gara.

IL PRIMO TEST-MATCH“Sono soddisfatto dell’atteggiamento mostrato dopo poche settimane di lavoro. C’era grande curiosità nell’approccio alla prima vera amichevole contro una squadra consolidata come il Monopoli. Un test che ci ha messo alla prova, la squadra mi è piaciuta, abbiamo provato a fare cose su cui abbiamo lavorato in allenamento, alcune sono uscite bene, su altre dobbiamo migliorare, compreso il fatto di gestire il risultato a pochi minuti dalla fine”.

I NUOVI – “Li ho spinti in campo nonostante abbiano fatto pochissimi allenamenti col gruppo. Ma hanno le giuste attitudini per mettere in pratica la nostra proposta di gioco e sono felice che facciano parte della nostra rosa. In difesa nel primo tempo siamo stati ordinati. Ci sta fare qualche errore in uscita se vuoi giocare in un certo modo. Nel secondo tempo abbiamo accusato un po’ di stanchezza. Lavoriamo sui ragazzi che abbiamo e sulla possibilità di integrare Benzar. Quando un giocatore fa parte della rosa è mio compito stimolarlo e capire se ha margini di crescita. Henderson e Listkowski? Ho chiesto dei giocatori di un certo tipo, a me piacciono i centrocampisti dinamici che giocano e sanno far girare la palla, riempiendo il campo. Credo abbiano la giusta attitudine a fare ciò che ho in mente di proporre”.

MERCATOPetriccione, Mancosu e Falco li ritengo importanti finché sono qua, ma dobbiamo porci delle riflessioni e prepararci a qualcosa che può succedere. Insieme al ds e alla proprietà stiamo cercando di capire se ci sono le condizioni per migliorare la squadra”.

PUBBLICO “Percepisco tanto entusiasmo attorno alla squadra, anche se siamo stati chiusi ad Acaya quasi sempre. È un gran peccato non avere il pubblico dalla nostra parte, per i nostri ragazzi sarebbe una spinta emotiva straordinaria. Dobbiamo consolidare questo entusiasmo facendo prestazioni adeguate e sperando che le porte degli stadi si riaprano presto”.