Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – L’attacco ha le polveri bagnate, Adjapong croce e delizia: le pagelle del pari con il Frosinone

LE PAGELLE DI LECCE-FROSINONE

Gabriel voto 6: attento nel primo tempo sulla conclusione di Salvi e decisivo nella ripresa su quella di Novakovich. Per il resto, incolpevole su entrambe le marcature ciociare.

Adjapong voto 6,5: primo tempo fatto da diversi errori e tanta frenesia. Atterra Paszyszek, seppur fortuitamente, spianando la strada per il vantaggio ospite, vivendo poi una fase di grande confusione. Il gol in chiusura di primo tempo gli regala nuova linfa. Nella ripresa cresce, rendendosi protagonista di alcune buone sortite.

Lucioni voto 6: solito primo tempo, fatto di solidità e sicurezza, prima del forfait causa infortunio.

Dal 39′ Meccariello voto 5,5: entra a freddo sul finire del primo tempo a causa dell’acciaccato Lucioni, rendendosi protagonista di qualche sbavatura. Male in occasione del pari gialloblù, con l’attenuante però di un nuovo offside non segnalato.

Dermaku voto 6,5: torna al centro della difesa, fornendo una prestazione positiva. Sempre sul pezzo e pulito, riesce ad uscire vincitore dai diversi duelli ingaggiati con gli attaccanti avversari. La condizione non è delle migliori, ma lo spessore c’è e si vede, vedi salvataggio decisivo su Novakovich.

Dal 70′ Calderoni voto 5,5: entra per garantire maggiore affidabilità sull’out mancino, finendo però per lasciare troppo spazio a Zampano sul cross del 2-2.

Zuta voto 5,5: buona prestazione del numero 24 in maglia giallorossa sino a pochi istanti dalla fine. Molto più concentrato e propositivo rispetto alle scorse uscite, se la cava bene in entrambe le fasi. Nel finale di gara, passa al centro della difesa tenendo bene anche lì, anche se è parzialmente colpevole nell’azione del 2-2 frusinate.

Tachtsidis voto 6: pomeriggio di spada e fioretto per il centrocampista greco, che non sempre riesce a trovare la giusta libertà in mezzo al campo. Quando riesce ad accendersi uscendo dalla gabbia ciociara, la manovra giallorossa diventa molto più ariosa e fluida.

Majer voto 5,5: prestazione non brillantissima per lo sloveno, soprattutto quando si tratta di costruire gioco. Meglio in fase di contenimento, ma purtroppo, in questa stagione, non sempre basta quello, anche se a conti fatti, quando esce dal campo, la squadra torna a soffrire.

Dal 70′ Listkowski voto 6: buon impatto alla gara, con il suo ingresso in campo che sembra garantire freschezza e vivacità alla mediana.

Paganini voto 5,5: il grande ex stecca anche questa volta. Gara con poca sostanza e spunti degni di nota, a conferma di una stagione che ancora fatica a decollare, ed un apporto alla causa che ad oggi non si può ritenere sufficiente.

dal 55′ Henderson voto 6: entra garantendo la solita corsa alla causa. Serve a Tachtsidis la palla per chiudere il match.

Mancosu voto 7: quando entra in azione fra le linee, dimostra di avere visione e qualità di categoria superiore, mettendo spesso in grande difficoltà la retroguardia gialloblù. Preciso nell’assistenza in occasione del pari di Adjapong, coraggioso e caparbio quando trova il gol del soprasso. Cala con il passare dei minuti, sfiorando però il tris in zona recupero.

Stepinski voto 5:  prestazione ampiamente insufficiente quella dell’attaccante ex Chievo, che non riesce a rendersi mai utile alla manovra, risultando di fatto un difensore aggiunto per l’undici di Nesta.

Dal 55′ Falco voto 6: non incide come avvenuto nelle due gare precedenti, ma di fatto cambia nuovamente volto al match. Dal momento del suo ingresso in campo il Lecce cambia marcia, mettendo alle corde il Frosinone. Non trova lo spunto vincente in fase realizzativa, ma ad oggi continuare a tenerlo fuori appare una forzatura ingiustificata.

Coda voto 5,5: mezzo voto in più rispetto al compagno di reparto per la generosità e la voglia di combattere, perchè per il resto è davvero poco concreto. Sbaglia diversi palloni, trovando solo un paio di conclusioni quasi insignificanti. La retroguardia lascia varchi che lui non riesce mai a sfruttare.

All. Corini voto 5,5: il primo tempo del Lecce è davvero tra i più brutti della prima parte di stagione. Lenti, imprecisi ed impacciati, i giallorossi faticano ad entrare in partita e a rendersi pericolosi. Il guizzo di Adjapong sembra cambiare le sorti del match, ma la beffa è sui titoli di coda, anche per via di una difesa a dir poco ballerina. Resta il mistero legato a Falco.


FROSINONE: Bardi 5,5, Brighenti 6, Szyminski 6,5, Curado 6,5, Salvi 6 (74′ Beghetto SV), Rohden 6,5, Maiello 6, (85′ Tabanelli sv), Kastanos 6, (79′ Carraro sv), Zampano 6,5, Novakovich 6,5, Parzyszek 6,5 (74′ Tribuzzi 6). All. Nesta 6,5.