Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

in foto: G. Laterza
copyright: SalentoSport

CASARANO – Mister Laterza: “Partita sbagliata, ma ci rifaremo già mercoledì”

Stati d’animo contrapposti per i due tecnici a pochi minuti dal termine della partita Casarano-Manfredonia, vinta dai sipontini per 2-1.

“Sì, avevamo delle assenze, ma non dobbiamo pensare a chi mancava – afferma mister Laterza dobbiamo assumerci noi la responsabilità della partita. Mi assumo le responsabilità di questa partita, perché forse non ho fatto capire ai ragazzi l’importanza di questa gara. Siamo stati poco lucidi dopo il rigore, dobbiamo essere più cattivi e determinati e non lo siamo stati. Ne abbiamo parlato in settimana, sapevamo che sarebbe stata una partita difficile dove non dovevamo commettere nessun errore, invece ne abbiamo fatti tanti e l’errore principale è quello di aver perso serenità dopo il loro secondo gol. Ci vuole più serenità, più forza mentale e più volontà di emergere e questo non c’è stato. Non siamo stati noi, non abbiamo avuto la cattiveria necessaria, abbiamo concesso loro facilmente la possibilità di andare in porta e siglare la seconda marcatura. Oggi non ho visto la determinazione di volerla vincere. Abbiamo sbagliato partita, abbiamo giocato male, non siamo stati determinati nel volerla vincere, soprattutto quando siamo andati in difficoltà. C’era tanto tempo da giocare, invece abbiamo perso la testa e questo non è da grande squadra. Venivamo da una sconfitta e dovevamo reagire, invece abbiam fatto una brutta partita. Manfredonia veniva a prenderci alti, ma nelle precedenti partite abbiamo dimostrato di poter porre rimedio a questo tipo di gioco, oggi non l’abbiamo fatto. Abbiamo cercato la palla lunga. Dobbiamo avere la forza e il coraggio e di prendere palla e giocare come sappiamo e oggi non lo abbiamo fatto. I meriti al Manfredonia dobbiamo darli, loro hanno giocato la loro partita e l’hanno vinta, ma ci sono anche tanti demeriti nostri. Oggi siamo andati in difficoltà, siamo stati poco sereni, poco lucidi, poco determinati sui contrasti. Fa male. So quanto lavorano i miei ragazzi. Siamo andati in difficoltà un po’ ovunque, non dobbiamo parlare solo del centrocampo e degli assenti, anche dietro abbiamo commesso errori grossolani. Ora voglio una grande reazione già da mercoledì prossimo. Gli obiettivi non cambiano. Si lotta per essere il Casarano di qualche domenica fa. Certo, ora fa male, però dobbiamo rialzare la testa subito. Dopo 13 risultati utili consecutivi non ci aspettavamo questo strano momento. In ogni caso, conosciamo la nostra qualità e bisogna reagire subito, abbiamo la possibilità di farlo già mercoledì”.

“Per raggiungere il risultato – dichiara il tecnico sipontino, mister Cinque – devi avere un forte spirito di squadra, anche se a volte questo non basta e ci vuole organizzazione. Avevamo studiato il Casarano, sapevamo di incontrare una corazzata con elementi importanti. Faccio i complimenti ai ragazzi, sono stati straordinari con veloci transizioni. Con questo spirito ci possiamo salvare. Abbiamo espresso passione, grinta e fame. Sul gol di Babaj, che dire? Il ragazzo, che è un under, ha forza e carattere. È stato bravo ad essere molto esplosivo. Sull’azione del gol, non credo ci siano responsabilità difensive, è stato bravo il  mio ragazzo. Per il resto, li abbiamo costretti a saltare il centrocampo e a giocare sulle punte. Il Casarano ha giocato solo su palle sporche ed è questo quello che volevamo. Al netto delle assenze del Casarano, credo che molti meriti ce li abbiamo noi: arrivare come leoni sui contrasti fa la differenza. Abbiamo vinto più contrasti”.