CASARANO – Esordio amaro in quarta serie. Decide per il Taranto un gol dell’ex Genchi

Il Casarano perde di misura con il Taranto, nonostante la superiorità numerica dal 38'. A segno l'ex Genchi. Domenica ancora un derby casalingo contro il Brindisi

casarano-taranto-01-080919-ss

Foto: le squadre schierate al centro del campo (©SalentoSport)

Il Casarano perde di misura contro il Taranto, rimasto in 10 dalla fine del primo tempo, nell’esordio stagionale in Serie D 2019/20.

Nei primi dieci minuti non succede nulla. Le due squadre si studiano cercando di approfittare di un’eventuale disattenzione degli avversari. All’11’ brivido per i padroni di casa, con Favetta che di destro, sugli sviluppi di un contropiede, colpisce la traversa. Al 13’ prova a reagire il Casarano con D’Aiello di testa, ma sventa l’estremo difensore ionico. Al 17’ azione pericolosa del Taranto, con la sfera che attraversa pericolosamente l’area di rigore, spegnendosi sul fondo. Il gol rossoblù è nell’aria e giunge al 19’ con l’ex Genchi, servito da Favetta, dopo una funambolica serpentina in area. All 22’ ci prova Mincica dalla distanza, ma la sfera si spegne su fondo. Al 23’ è di nuovo Genchi a tentare la soluzione da fuori area, ma senza fortuna. Il Casarano non riesce a sbloccarsi. I rossoazzurri sembrano risentire troppo della maggiore densità ionica a centrocampo. Al 35’ Tiscione lascia partire un tiro insidiosissimo che Giappone devia sulla traversa. Al 38’ Genchi guadagna anzitempo gli spogliatoi per doppia ammonizione. Il Casarano cerca di approfittarne. Al 42’ Tiscione dalla destra crossa e Mincica incrocia al volo. Bellissimo il gesto tecnico, ma non altrettanto fortunato. Dopo due minuti, ancora Tiscione per Mincica di testa, ma la conclusione è sventata da Ferrara in scivolata. Il primo tempo si chiude dopo 3’ di recupero.

La ripresa si apre con il Taranto in avanti. Al 47’ calcio di punizione dai 30 metri per i rossoblù: Galdean mette dentro per Favetta, che di testa indirizza verso la porta; Guarnieri alza con i pugni sopra la traversa. Al 52’ Tiscione entra in area e viene atterrato. Il direttore di gara ravvisa gli estremi per il calcio di rigore e fischia indicando il dischetto, salvo poi tornare sui propri passi dopo una consultazione con l’assistente di linea. Al 62’ punizione di Favetta dai 25’ metri messa in angolo dall’estremo difensore rossoazzurro. Al 63’ Santagata calcia dal vertice sinistro dell’area grande, ma viene murato da un difensore tarantino. Al 65’ grande botta di Morleo dai 25 metri, con la palla che va a colpire con potenza il palo alla destra di Giappone. Al 77’ Mincica dalla destra crossa per l’accorrente Olcese che di testa mette fuori di poco. All’85’ Olcese ci riprova nuovamente per vie aeree, ma senza fortuna. Il Casarano ci prova, ma non ha la lucidità sufficiente per agguantare il pareggio.

E domenica prossima c’è ancora un derby casalingo, quello contro il Brindisi, con il quale ha duellato nella scorsa edizione del campionato di Eccellenza.


Casarano, stadio “G. Capozza”
domenica 8 settembre 2019, ore 16
Serie D girone H 2019/20 – 2a giornata

CASARANO-TARANTO 0-1
RETI: 19’ Genchi

CASARANO: Guarnieri, Mattera, Lobjanidze (59’ Santagata), Giacomarro, D’Aiello, Morleo (81’ Palmisano), Mincica, Buffa, Cianci (59’ Ielo), Tiscione, Balla (72’ Olcese). In panchina: Morabito, Versienti, Rescio, Feola, Russo. All. P. De Candia.

TARANTO: Giappone, De Caro, Ferrara (83’ Riccio), Cuccurullo (49’ Marino), Manzo L., Allegrini, Guaita, Matute (80’ Benvenga), Genchi, Galdean (56’ Manzo S.), Favetta (72’ Croce). In panchina: Sposito, Mambella, Oggiano, D’Agostino. All. N. Ragno.

ARBITRO: Andrea Ancora di Roma 1.

NOTE: Temperatura 29°, cielo sereno, terreno in buone condizioni. Ammoniti: 14′ Balla (C), 36′ Ferrara (T), 36′ Genchi (T) e Mattera (C), 49′ Lobjanidze (C), 54′ De Caro (T), 52′ Giacomarro (C), 85′ Giappone, 90+3′ Manzo S. (T). Espulsi: 38’ Genchi (T) per doppia ammonizione. Recupero: pt 3’; st 6’. Durante la partita i tifosi del Casarano hanno esposto uno striscione a sostegno dei bambini di Taranto nella lotta contro le malattie da inquinamento ambientale.

QUI I RISULTATI E LA CLASSIFICA

Articoli Correlati