Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

foto: N. Citro
ph: SalentoSport

CASARANO – Costantino: “Col Lavello prova superlativa”. Strambelli e Citro: “Era una partita da vincere”

Una prova convincente quella del Casarano contro un Lavello guardingo che nei primi venti minuti ha tenuto testa ai rossoazzurri.

Complimenti alla squadra – dice mister Giovanni Costantino nelle interviste post gara – che ha fatto una grandissima partita, sono orgoglioso di essere l’allenatore di questi ragazzi. Se la sono meritata. Ci siamo allenati bene, abbiamo dominato il campo. Sono contento per la squadra. Dedichiamo la vittori all’allenatore dei portieri, Luperto, che ha perso il fratello in settimana, e a quei folli che erano in curva sotto il diluvio e che meritano l’applauso. Il direttore sportivo ci ha regalato un mercato oculato, intelligente, funzionale alle nostre esigenze. I ragazzi sono stati superlativi, anche chi è subentrato in corso ha dato il massimo. Nella prima parte, il Lavello ha chiuso gli spazi. Abbiamo cercato la profondità e siano andati in vantaggio su palla inattiva. All’inizio del secondo tempo siamo entrati in campo per trovare subito il raddoppio. Prestazione superlativa. Dopo il secondo gol, hai la mente più libera. Un plauso a tutti. Non siamo mai usciti dalla corsa. Noi pensiamo partita per partita. Il campionato è lungo. Ci sono altre 14 sfide. Con calma, non bisogna volare troppo alto. La strada è molto lunga, c’è bisogno di tutti, ma possiamo recuperare il terreno. Con il Lavello ho schierato una formazione inedita, ho messo in campo una squadra per attaccare la profondità sin da subito, con un centrocampo di palleggio e un attacco di profondità. Tutti hanno interpetrato la partita benissimo. È una vittoria della squadra. Le partite si vincono con l’intensità e la voglia di vincere e oggi i ragazzi lo hanno dimostrato”.

Soddisfazione espressa anche da Strambelli.

“Sono contento per il gol – taglia corto Strambelli ma la cosa più importante era la vittoria. Era importate arrivare con il morale alto alla gara contro il Brindisi. Il campionato è aperto? Lo era anche a –10. Non dobbiamo montarci la testa, dobbiamo scendere in campo e pensare a noi. Con il Lavello sono partito dalla panchina. Il mister fa le sue scelte. Non ci sono problemi. La panchina fa parte del gioco. Cerco sempre si rispondere sul campo, l’atteggiamento è quello che fa la differenza”.

Ottima anche la prestazione di Citro, un’autentica spina nel fianco del Lavello.

“Era una partita da vincere – dichiara Citro dovevamo chiuderla prima, ma siamo stati bravi. In ogni partita dobbiamo dare il massimo per recuperare punti. Domenica ci attende una partita difficile contro una squadra forte. Ci dobbiamo preparare la meglio, siamo sulla strada giusta. Oggi abbiamo fatto un passo importante, ma non ci dobbiamo cullare. Personalmente potevo sfruttare meglio l’occasione che ho avuto, magari lo farò domenica prossima”.