Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

CASARANO – Calabuig: “Gara condizionata da una punizione fischiata al contrario”

Il Casarano perde di misura in casa con il Molfetta, ma non mancano le recriminazioni sulla punizione dalla quale è nato il gol vittoria siglato da Cappiello.

Siamo partiti bene, giocando ad un ritmo alto – commenta a caldo mister Calabuig su qualche episodio potevamo scegliere meglio la giocata, soprattutto sulla tre quarti, però prima dell’episodio del gol, che purtroppo ancora una altra volta viene da una punizione fischiata al contrario, non avevamo mai subito occasioni pericolose. Purtroppo questa gara è stata determinata da un episodio, ma con qualche episodio per noi poteva andare in modo diverso. I ragazzi hanno lavorato bene, pure i nuovi arrivati. Siamo soddisfatti della loro prestazione. È normale che ci vuole un po’ di tempo per farli integrare nella idea di gioco. Sappiamo che per le caratteristiche che hanno ci possono dare molto a livello di prestazione. Continuiamo a lavorare sul mercato. Non ci siamo fermati. Mercoledì ci aspetta una gara dura con il San Giorgio. Sarà una partita come questa: molto intensa. Dobbiamo interpretarla subito in quella maniera. Andiamo là sempre con la nostra idea di prendere i tre punti. Sul fronte infermeria, c’è ancora da recuperare Pipistrelli, che potrebbe aggregarsi al gruppo dalla prossima settimana. C’è da verificare, inoltre, la condizione di qualche acciaccato a seguito della partita odierna, ma non dovrebbe essere nulla di grave”.

Soddisfazione, sul versante opposto, da parte del tecnico molfettese.

“I ragazzi – taglia corto mister Bartoli sono stati eccezionali, anche perché hanno vissuto due settimane non belle. Con la vittoria odierna hanno dimostrato un attaccamento incredibile a questa maglia, nonostante le varie uscite dei calciatori in settimana. Non era facile. Abbiamo giocato con un’ottima squadra, su un campo difficile. Devo solo ringraziarli per quello che hanno fatto e per quello che faranno. L’obiettivo stagionale è superare i 42 punti dell’anno scorso e creare un zoccolo duro per l’anno successivo. È questo il progetto del biennale che ho firmato. Ad oggi siamo in linea con questi obiettivi, in quanto abbiamo 18 punti e mancano altre 5 partite alla fine del girone di andata”.