DILETTANTI – Mosca all’attacco: “Pseudo procuratori condizionano il mercato. Galatina? Solo se…”

L'allenatore di Taormina potrebbe tornare sulla panchina biancostellata. In passato contatti con Casarano e Gallipoli, poi rimasti tali

beppe-mosca-ph-coribello

Foto: B. Mosca (©M. Coribello)

Rimasto ai box nella stagione 2017/18 e dopo diversi “flirt” andati in bianco, il tecnico Beppe Mosca esprime tutto il suo scetticismo circa la situazione in cui versa il calcio salentino, in particolare per ciò che riguarda i criteri coi quali vengono ingaggiati gli allenatori. “Non ho nulla contro i tecnici alle prime armi – chiarisce l’esperto allenatore di Taormina – ma una volta si valutavano i risultati e il gioco prodotto, ora tutto è in mano a pseudo procuratori che screditano il tuo lavoro. E i presidenti che, rispetto a qualche anno addietro, non sono propriamente esperti conoscitori di calcio, ci cascano, si fidano e poi le scelte vengono pagate nel corso della stagione. Io invece sono un’aziendalista, faccio gli interessi della società per la quale lavoro, forse sono troppo preciso…”.

Mosca nella seconda parte della scorsa annata era ad un passo dal Casarano, poi qualcosa non è andato per il verso giusto. “Ho incontrato tre o quattro volte il presidente Todaro, ma la società ha poi preferito confermare la guida tecnica. Nel mese di giugno ci sono stati dei contatti col Gallipoli, che poi alla fine ha operato una scelta diversa”.

Nel futuro ci potrebbe, nuovamente, essere il Galatina, pronto a ripartire dalla Seconda Categoria: “Mi è tanto dispiaciuto per il fallimento – afferma l’ex Nardò – ripartire dal basso non è facile ma società e Comune stanno lavorando di comune intento per riportare in alto i biancostellati. Potrei accettare la panchina ma solo se il progetto mi vedesse al centro, qualora sussistessero le condizioni per un progetto pluriennale con l’intento di riportare il Galatina ai vecchi fasti ne sarei felice”. 

Nel 2015/16 Beppe Mosca, alla guida della Pro Italia, centrò lo sbarco in Eccellenza dopo la vittoria della finale playoff di Promozione per 3-1 contro la Salento Football Leverano: “Mi amareggia leggere che il nostro campionato (un’inchiesta è in corso, ndr) non sarebbe stato vinto in maniera regolare. Io e i miei collaboratori sappiamo bene i sacrifici compiuti in settimana pur di accelerare nel finale della regular season e poi imporci in maniera netta – conclude Mosca – negli spareggi promozione”.

Lorenzo FALANGONE
Nato 27 anni fa a Nardò. Dottore in Comunicazione e Giornalista pubblicista. Caporedattore di SalentoSport e reporter per PiazzaSalento. Premio "M. Campione" 2015 come miglior articolo sportivo di Puglia. Autore del libro "Per dirti ciao".

Articoli Correlati