DEGHI – Paglialunga, tu chiamale, se vuoi, emozioni: “Una gioia immensa. E pensare che tre anni fa ci allenavamo per strada…”

In esclusiva per SalentoSport, il presidente della Deghi racconta la grande felicità per il trofeo colto questo pomeriggio contro il Donia, ma anche i sacrifici fatti negli ultimi tre anni per costruire e per programmare una squadra fatta essenzialmente di giovani del territorio

paglialunga-alberto-deghi ph salentotelevision

Foto: A. Paglialunga, a destra (©Salentotelevision.it)

Il pareggio interno per 1-1 contro lo Sporting Donia, sommato alla vittoria esterna di quindici giorni fa, è significato per la Deghi Lecce, vittoria della Coppa Italia di Promozione. Un traguardo storico per i biancoarancio, inimmaginabile tre anni fa, quando il presidente Alberto Paglialunga ha deciso di far partire questo progetto, con grande passione, serietà e soprattutto massima programmazione, elementi che oggi lo ripagano con una vittoria certamente emozionante: Fate bene a parlare di emozioni – spiega, a SalentoSport, il presidente Paglialunga , perché molti credono che le vere emozioni possano arrivare solo a certi livelli, mentre io oggi vi dico che il calcio regala gioie immense al di là della categoria. Questa per noi è una soddisfazione immensa che abbiamo avuto la fortuna di festeggiare anche in casa nostra, dove meno di un anno non c’era nulla, mentre oggi dopo grandi sforzi e sacrifici vi era uno splendido manto erboso, colmo di gente in festa. Tre anni fa – continua il numero uno della Deghi – abbiamo deciso di partire dal basso della Prima categoria, allenandoci anche per strada perché non avevano alcuna struttura, abbiamo lavorato anche in maniera diversa da altre società puntando tanto sui nostri giovani e proprio per questa la soddisfazione è ancora più bella, perché a malincuore dico che quando si lavora in maniera diversa, molti vedono qualcosa di oscuro e poco chiaro, invece no, è semplicemente un modello differente di concepire il calcio, partendo appunto dalle strutture e dai nostri giovani; ringrazio veramente tanto chi mi è stato vicino, sopratutto i miei ragazzi che con grande passione e sacrificio hanno ottenuto questo traguardo, li ringrazio per essersi fidati di me, perché molte volte dimentichiamo che non è solo la società a doversi fidare dei propri calciatori, ma sono anche loro a doversi fidare di noi”.

Quando si parla di futuro e di un possibile approdo in Eccellenza, il presidente dei biancoarancio preferisce guardare al presente, godendosi il successo: “Credo che parlare del futuro è un po’ affrettato – analizza Paglialunga-, oggi vogliamo goderci questo momento di grande soddisfazione, poi più in là penseremo a ciò che potrà essere”.

In chiusura il presidente guarda a quello che è stato il cammino in campionato, elogiando i suoi ragazzi, ma facendo anche i complimenti a chi è davanti: “Oggi sarebbe facile dire che si è perso il campionato perché si è deciso di puntare alla Coppa – prosegue Paglialunga  –, invece no, non è così, questa squadra e questa società hanno sempre voglia di vincere e quindi anche in campionato abbiamo provato ad ottenere il massimo, ma contro abbiamo avuto un avversario (l’Ugento, ndr) che merita di essere dov’è. Forse l’unica gara in cui non siamo riusciti a reggere il doppio impegno è stata quella di domenica contro il Racale, perché molti ragazzi erano già con la testa a questa finale. Credo che ad agosto nessuno avrebbe immaginato di essere dove siamo, quindi ripeto il grazie più grande va a chi è riuscito sul campo a costruire tutto ciò, e poi – chiosa –, finché la matematica non ci condanna abbiamo l’obbligo di provarci”.

Tropical Store

Davide BOELLIS
Diplomato presso il Liceo Socio Psico Pedagocico. Praticante giornalista pubblicista. Nel 2012 partecipa alla quarta edizione di "Giornalista per un giorno - Sergio Vantaggiato". Nell'aprile 2012 inizia a collaborare con la testata colpoditaccoweb.it. Dal settembre 2012 passa nella squadra di SalentoSport.

Articoli Correlati