Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

VIRTUS MATINO – Branà: “C’è chi preferisce stare sul divano e prendere il bonus. Per chi vive di calcio, è inaccettabile”

Dopo la dura presa di posizione di Pietro Sportillo, anche l’allenatore della Virtus Matino, Giuseppe Branà, parla con toni forti, rimarcando, a suo avviso, la gravità della situazione e chiedendo a gran voce la ripresa dei campionati, in particolare quello di Eccellenza pugliese.

DISPARITÀ
“Sono molto infastidito da questa situazione, perchè vedo disparità di trattamento. Non capisco cosa cambia tra noi e la Serie D, perchè, è inutile nascondersi, anche in Eccellenza vi è gente che vive di calcio e questa situazione sta danneggiando tutti. Poi, vi è qualcuno che preferisce stare sul divano e guadagnare gli 800 euro dello Stato, ma chi come me vive di calcio, non può accettare tutto questo. Chi ama il calcio e chi fa dalla passione anche il proprio lavoro, in questi mesi sta subendo un trattamento a dir poco mortificante. Onestamente un pensiero va anche alle società che, come la nostra, hanno investito nel calcio e che oggi si vedono costrette a restare al palo, vedendo vanificati i proprio sforzi”.

SOSTENERE LE SOCIETÀ  – “A livello logico, non ha nemmeno senso l’idea di far proseguire solo la Serie D senza sapere cosa avviene in Eccellenza. Sta accadendo tutto e il contrario di tutto; è innegabile che questo virus abbia dato vita ad una vera e propria tragedia mondiale, ma oggi serve ripartire, con tutto il buon senso necessario e tutte le accortezze del caso. Le federazioni e lo Stato dovrebbero sospendere immediatamente l’erogazione dei ristori riservati ai tesserati (bonus 800 euro), destinando quei fondi alle società, in maniera tale da sostenere i costi dei tamponi e da poter consentire una ripresa in piena sicurezza“.

(Foto: Giuseppe Branà – SalentoSport/Coribello)