Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

foto: M. Vadacca

UGENTO – Vadacca: “Casarano mi ha cresciuto, Tricase mi ha rilanciato. Qui per continuare il percorso con entusiasmo”

Massimiliano Vadacca è già pronto a tuffarsi nella sua nuova avventura professionale, quella da responsabile dell’area tecnica dell’Ugento, neopromosso in Serie D. Classe 1973, nativo di Copertino, da calciatore ha collezionato quasi 400 presenze tra Serie C1 e C2, toccando due volte anche la Serie B con la maglia della Salernitana, prima con Delio Rossi e poi con Franco Colomba in panchina.

Nel campionato cadetto ci approdò dopo esser cresciuto nelle giovanili del Casarano e aver esordito in prima squadra, in C1, nei primi anni ‘90. A Casarano giocò con Mimmo Oliva, ora allenatore dell’Ugento: “Ci conosciamo da tanto tempo – le prime parole di Vadacca, la nostra amicizia va al di là del calcio. La collaborazione con l’Ugento nasce dall’esserci incontrati tante volte sui campi per vedere qualche partita, ne ho viste anche dei giallorossi e così abbiamo avuto modo di ritrovarci col mister. Da lì, poi, si è creata una situazione interna e sono stato contattato dal club. È nata questa collaborazione che cercavo e che mi rende felice. Sono stato fortunato”.

Vadacca e il club del presidente De Nuzzo hanno già le idee chiare su come affrontare la prossima stagione: “Per adesso lavoriamo per confermare quei giocatori della rosa dello scorso anno che riteniamo importanti per affrontare la Serie D, un torneo molto difficile. Di conseguenza, ci muoveremo per allestire una squadra competitiva cercando degli under che siano funzionali all’idea di calcio e al modulo tattico del mister”. A tal proposito, nelle scorse ore il club ha ufficializzato la prima riconferma: quella dello spagnolo David Ruiz, classe 1997, capitano e trascinatore nella scorsa stagione, nella quale ha realizzato, da esterno, sei reti in campionato e una in Coppa Italia.

Il responsabile dell’area tecnica dell’Ugento – che ha nel curriculum da dirigente e collaboratore tecnico anche le esperienze con Manfredonia, San Severo, Castelfidardo e Fermana – conferma di essere già operativo: “Conosco già tutti i calciatori della scorsa stagione, avendo visto almeno quattro o cinque partite della squadra. Ci stiamo conoscendo anche a livello personale e sta procedendo tutto per il verso giusto”. Vadacca ha parole dolci anche per due sue ex squadre, Casarano (C1) e Tricase (C2): “Due piazze importantissime. Casarano mi ha cresciuto e inserito nel mondo del calcio professionistico. Tricase mi ha dato la possibilità di rilanciarmi dopo aver avuto delle grosse difficoltà a livello calcistico. In due anni e mezzo ottenemmo tre salvezze, una delle quali arrivata all’ultimo secondo (nel giugno 2001, 3-2 contro la Turris, ndr). Fu un’emozione grandissima, a loro devo dire sempre grazie”. Ma il presente, ora, è Ugento: “Cercheremo, insieme al club, di continuare il percorso intrapreso lo scorso anno, di creare entusiasmo e di costruire una squadra competitiva. Ai tifosi – è il messaggio di Vadacca chiedo di starci vicino perché ci saranno dei momenti di difficoltà e tutti insieme dovremo cercare di superarli per raggiungere gli obiettivi prefissati”.

(Nuovo Quotidiano di Puglia)