Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

foto: A. Calabro (archivio)
ph: M. Ingenito

SERIE C – Calabro, il nuovo condottiero della Carrarese: “C’è molto di Corvino nei miei successi”

Conducendo la Carrarese, da outsider, a vincere i playoff di Serie C, Antonio Calabro ha compiuto una nuova impresa nella sua giovane carriera da allenatore. Alla promozione dall’Eccellenza alla Serie D col Gallipoli, alla doppia promozione da Eccellenza a Serie C con la Virtus Francavilla, con disputa dei playoff per la Serie B nella successiva stagione, alla tranquilla salvezza col Carpi in Serie B, si aggiunge, dunque, la conquista della serie cadetta con il club toscano.

Il tecnico di Melendugno, nei giorni scorsi, ha rilasciato un’intervista al Nuovo Quotidiano di Puglia. Eccone alcuni estratti.

“I complimenti fanno sempre piacere e in questi giorni ne ho ricevuti davvero tanti ma due, in particolare, sono stati tra i più graditi. Il primo, quello del presidente Sticchi Damiani, mi ha scritto un bellissimo messaggio e mi ha reso orgoglioso; il secondo, quello del mio maestro Pantaleo Corvino, sempre prodigo di consigli nei miei confronti e non nascondo che c’è sempre molto di Corvino nei miei successi“.

“Mi è dispiaciuto tantissimo veder tornare nei dilettanti la Virtus Francavilla. Sento ancora il presidente Magrì, con lui ho conservato un buon rapporto, anche se, devo ammettere, è stato un errore da parte mia tornare ad allenare la Virtus a distanza di tanti anni dal doppio salto da Eccellenza a Serie C. Tornando a Francavilla, ho trovato ben poco di tutto ciò che avevo lasciato. Auguro alla Virtus di conquistare al più presto la Serie C”.

“Ho altri due anni di contratto alla Carrarese, voglio sfruttare al massimo questa grande occasione. In passato ho allenato solo una volta in Serie B, conquistando una salvezza tranquilla col Carpi. La Serie B è un campionato molto difficile, bisognerà attrezzarsi per raggiungere l’obiettivo”.