Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

DILETTANTI – Destratis: “La storia e la tradizione del calcio pugliese valgono più di un paio di voti”

Riceviamo e pubblichiamo una nota dell’avv. Giulio Destratis, prossimo candidato alla presidenza Lnd Puglia nelle elezioni che si dovrebbero tenere a novembre.

Mentre l’attuale presidente del CR Puglia Tisci dimostra di non conoscere neppure il nome delle sue società affiliate (in un’intervista televisiva la “Sly United” viene chiamata ripetutamente ed erroneamente “Sla”), i dirigenti pugliesi stanno investendo tanti denari per partecipare a campionati di cui ancora non si conoscono le regole. I play off ed i play out si faranno? Quante saranno le retrocessioni? La pessima abitudine di prendere decisioni fuori tempo massimo è diventata una costante nella gestione Tisci.

Le società hanno iniziato i ritiri senza che siano noti i meccanismi di promozione e retrocessione. Tisci e il suo direttivo dovrebbero sapere che le rose dei calciatori e gli staff tecnici si compongono sulla base degli obiettivi di classifica che si vogliono ottenere sul campo ed alle probabilità reali di raggiungimento degli stessi. Nel momento in cui ci si iscrive a qualsiasi competizione pagando fior di quattrini, si ha il sacrosanto diritto di conoscere preventivamente il regolamento. Invece in Figc Puglia l’incertezza regna sovrana. Il denaro si incassa, ma le regole (a fine agosto!) restano ancora un mistero.


Perché
siamo perennemente in ritardo? Perché la richiesta della seconda promozione in serie D per un’altra pugliese non è stata avanzata tempo addietro? Tisci è presidente da 16 anni!


Ora vorrebbe persino l’autorizzazione a far rimanere per sempre i due gironi di Eccellenza e così cancellare definitivamente il ricordo del campionato regionale più bello d’Italia. Quello che per me dovrà tornare ad essere a girone unico. A parteciparvi saranno solo i top club pugliesi più meritevoli. Al massimo si potrebbe pensare di allargarlo in via eccezionale a 18/20 squadre sostenendo economicamente le società. A proposito…le scontente per il cambio format sono in numero enormemente maggiore rispetto a quelle accontentate con i ripescaggi. I conti iniziano a non tornare.