Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

DEGHI – Paglialunga “Serve un segnale di rottura con un passato che non possiamo più permetterci”. Le proposte del patron orange

Esprimendo pessimismo sulle possibilità che la stagione agonistica 2019-20 ricominci, il patron della Deghi, Alberto Paglialunga, approfitta del momento di stand-by del calcio dilettantistico per lanciare alcune proposte di riforma del settore.

“Il calcio dilettantistico – afferma in una notadeve ripartire da novità importanti. Innanzitutto investire sugli impianti che siano capaci di riportare la gente a bordo campo; debellare gli episodi violenti, che pure permangono; le Federazione, poi, deve presentare alle società le possibilità di credito agevolato, che pure esistono. Detassare le sponsorizzazioni, abbassare i costi di iscrizione e gestione e valorizzare i settori giovanili e le scuole calcio”.

“Immagino – continua Paglialunga squadre che si fondano sui calciatori giovani. (…). Sarebbe importante se fosse abolita la regola degli under e fosse inserita quella relativa a un numero massimo di over da mandare in campo. credo sia incontrovertibile l’idea di un torneo Juniores inutile per come è costruito, esso rappresenta solo un costo per le casse societarie”. Il numero uno orange auspica “un segnale forte e di rottura con un passato che non ci possiamo più permettere e conclude: “Sarebbe opportuno che il Comitato regionale Puglia di Figc/Lnd avesse un ruolo di raccordo con le centinaia di società abbandonate a loro stesse da troppe settimane. Un incontro aperto in videoconferenza, ad esempio, nel quale iniziare una discussione necessaria per stabilire modi e metodi della futura ripartenza”.