Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

CASARANO – Sportillo: “Rischiamo di non fare i playoff”. Poi sulle critiche: “Non sono diventato un coglione…”

Pietro Sportillo accetta il verdetto stabilito dal campo, con il derby tra Casarano e Gallipoli conclusosi a reti inviolate. “Risultato giusto – commenta – . Venivamo da una brutta sconfitta, abbiamo cercato di fare qualcosina in più, soprattutto nel primo tempo. È stata una partita molto bloccata tatticamente, o ben giocata da entrambe tatticamente se preferite; tutte e due le squadre volevano vincere, si sono affrontate a viso aperto nonostante un campo non facile. Non sono rammaricato per oggi (ieri, ndr), ma per domenica scorsa”.

Un pomeriggio insolito sotto tanti punti di vista per i rossazzurri. “Non si può dire che il fattore campo ci abbia dato una mano – sottolinea Sportillo, però il tempo, giocare alle 15 del pomeriggio e la nostra partita sottotono a Molfetta, hanno spezzato un po’ di entusiasmo andando ad incidere sulle presenze sugli spalti. Devo cercare però di vedere sempre il lato positivo, dove sbagliamo e cosa possiamo fare di più per riportare i tifosi dalla nostra parte”.

La disamina del tecnico si sofferma poi proprio sull’andamento troppo altalenante dei suoi, che hanno lasciato per strada troppi punti importanti. “Mi sono fatto tante domande, senza trovare delle risposte. Forse non sono in grado io, sono bravo fino alla quarta ma quando si tratta di ingranare la quinta con questa macchina non riesco a metterla; può darsi che qui stiamo sopravvalutando qualche giocatore o può darsi che qualcuno soffra l’ambiente, perché il pubblico di Casarano è esigente. Sta di fatto che quest’anno quando si è trattato di dover mettere quel quid in più non siamo mai riusciti a darlo. Non cerco mai alibi con gli infortuni, anche se pure oggi (ieri, ndr) ne ho dovuti cambiare tre, ed in questo senso non siamo mai riusciti ad avere continuità. Io cerco sempre di fare il mio lavoro al massimo, con passione e cercando di non tralasciare alcun dettaglio. Non mi sono mai sentito Guardiola quando lo scorso anno mi facevano i complimenti, non mi sento un coglione quest’anno: sono un giovane allenatore che deve fare ancora molta strada. Fino a che mi daranno la possibilità di allenare il Casarano lo farò con la massima dedizione”.

Ultime tre giornate che possono comunque aprire ancora scenari importanti, ma Sportillo avverte: “Si rischia pure di non fare i playoff. Il mio intento è cercare di recuperare qualche giocatore, sperando che gli ultimi infortuni non siano di lungo corso. Alla prossima avremo il Galatina, una partita più abbordabile, poi nelle ultime due proveremo a conquistare quanti più punti possibili, confidando anche nel fatto che tutte le squadre coinvolte nella lotta playoff avranno partite difficili”.