Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Totò Nobile: “L’Inter mi ha dato notorietà, ma il mio cuore è sempre giallorosso. Servirà una prova perfetta”

Novantaquattro presenze con la maglia del Lecce e in mezzo, nella stagione 1987-88, un’esperienza nella Milano nerazzurra, con un totale di 19 gettoni. La sfida di domenica contro l’Inter, Totò Nobile, la seguirà dalle tribune del Via del Mare, una partita che per lui avrà un sapore molto particolare.

Prima di ogni cosa ci tengo a precisare un particolare – esordisce l’ex terzino sinistro -, che magari grazie all’Inter ho acquisito maggiore notorietà, ma il mio cuore resterà sempre giallorosso e quindi domenica per me non ci sarà alcuna divisione, tiferò semplicemente per il LecceQuella contro l’Inter sarà una partita molto dura ma anche molto importante per entrambe le formazioni, perchè se è vero che il Lecce avrà bisogno di punti in chiave salvezza, anche la squadra nerazzurra non potrà lasciare altri punti per strada, per non complicare ancor di più la corsa sulla Juventus. La formazione di Antonio Conteprosegue Nobile -, si è dimostrata in questo girone d’andata una macchina quasi perfetta, per questo servirà un Lecce altrettanto perfetto e attento che magari dovrà sfruttare al meglio quelle occasioni che verranno concesse; solo così, e con la grande spinta del popolo giallorosso, si potrà provare a portare a casa un risultato positivo, che potrebbe risultare pesantissimo anche in chiave salvezza”.

La sconfitta di Parma ha chiuso un girone d’andata che ha visto gli uomini di Fabio Liverani arrivare al giro di boa con 15 punti, ma con una posizione di classifica che ad oggi garantirebbe la permanenza nella massima serie. “Quello ottenuto dal Lecce nel girone d’andata, diciamo che è da considerarsi un bottino abbastanza dignitosoanalizza l’ex Inter -, ma al netto di diversi episodi e situazioni, credo che i giallorossi avrebbero potuto avere anche alcuni punti in più. Nella parte finale del girone d’andata poi, è arrivata qualche sconfitta di troppo, vuoi per qualche errore tecnico, vuoi per qualche errore individuale, ma anche per una questione di tenuta atletica, che ha visto la squadra avvertire un calo fisico. Son convinto comunque che la salvezza sia ampiamente alla portata del Lecce e che passi dal rendimento interno. Nel girone di ritorno occorrerà provare a conquistare qualche punto in più al Via Del Mare, cercando di aumentare la media del girone d’andata, che ha visto il Lecce – conclude Nobile – ottenere solo quattro punti in ben nove sfide casalinghe, senza mai riuscire a centrare il successo”.