Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

foto: il Via del Mare di Lecce
ph: Coribello/SS

LECCE – Sticchi Damiani, stadio-GDM: “Vorrei un Via del Mare più confortevole, il commissario ha poteri in deroga”

A margine della conferenza stampa fiume di oggi (QUI i temi principali), si è parlato anche degli eventuali lavori al Via del Mare in vista dei prossimi Giochi del Mediterraneo del 2026. Le parole del presidente Sticchi Damiani.

“Come vedete, il club sta crescendo, ha fatto passi in avanti su tutti i piani, nonostante si stiano continuando a spendere soldi solo per lo stadio. Ho un pizzico d’invidia nel vedere che, ad esempio a Bari, i lavori vengono fatti con soldi pubblici, mentre noi abbiamo speso ben 6,5 milioni per adeguare il tutto. Questo, senza polemica, anzi, oggi c’è stato un piacevole confronto col sindaco Salvemini per vedere il da farsi. Non abbiamo fondi e siamo i più virtuosi e meno indebitati della A, ma forse siamo i più scemi? In più, dobbiamo pagarci lo stadio da soli, quando invece ci sono società che hanno tifoserie da ultimo posto e grande disponibilità di fondi. Un anno fa avrei detto che avremmo avuto bisogno di vendere i migliori giocatori, mentre oggi questo bisogno non c’è. Ad oggi, non abbiamo necessità di vendere nessuno e, anche per questo, non svenderemo nessuno. Chi vuole migliorare la sua carriera e chi è interessato ai nostri giocatori deve essere consapevole di questo aspetto. I Giochi? Ci tengo, sia perché vorrei che la gente potesse avere uno stadio migliore, coperto, più confortevole, ma non vorrei spendere io queste cifre, destinandole altrove. Essendoci ora un commissario, c’è un nuovo interlocutore rispetto al passato. La cosa positiva è che questo commissario ha una serie di poteri in deroga, andando avanti con procedure più spedite rispetto alla normativa urbanistica. Ha poteri straordinari perché siamo in ritardo, non solo noi, quindi c’è questa possibilità di andare avanti più veloci. Chiaramente, questo commissario non parlerà solo col Lecce ma anche col Comune. pertanto, o questo si fa in tempo utile per i Giochi, o non si fa“.

(foto: Coribello/SalentoSport)