Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Sticchi Damiani su Dermaku, Corini, sulla squadra e sul mercato: “Pisacane e Vecchia? Sì, ma…”

Un elogio agli attaccanti disponibili, la contentezza per il pareggio strappato ad una signora squadra come il Monza e l’occhio proiettato verso il mercato. Così il presidente del Lecce, Saverio Sticchi Damiani, nel post Lecce-Monza.

“Il pareggio è frutto di una prestazione molto attenta, applicata e concentrata da parte di tutti. In particolare è stato importante il rientro di Dermaku che ha fornito un buon contributo. Purtroppo, per una serie di sfortunate coincidenze, da subito non abbiamo avuto la possibilità di contare sull’apporto di un giocatore fondamentale. Il collettivo ha offerto una prova significativa e con un colpo finale si poteva anche vincere. Sono contento per la squadra che è apparsa stanca, avendo giocato ogni tre giorni. Grazie a Coda e Stepinski: pur avendo attaccanti stellari, loro due sono gli unici a rendersi disponibili. Tirano la carretta, nonostante gli acciacchi. Il ritorno di Corini in panchina è stato importante: la sua assenza, in queste gare, ha rappresentato un vero e proprio handicap”.

CON GALLIANI“Mi ha detto che ha visto due squadre molto forti. Abbiamo ottimi rapporti da tempo e abbiamo parlato di tanti temi, comprese le questioni della Lega. Non si è discusso di mercato“.

ARRIVI E PARTENZE – I primi due arrivi del mercato invernale, per il Lecce, potrebbero essere il difensore Fabio Pisacane, 35enne, tesserato col Cagliari, e l’attaccante svedese, di origini italiane, Stefano Holmquist Vecchia, 25enne. In partenza Falco, Pettinari, Vigorito e Rossettini, dai quali il Lecce potrebbe monetizzare una discreta somma. Sticchi Damiani ammette l’esistenza delle trattative con Pisacane e Vecchia ma “non sono ancora concluse”.