Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

in foto: S. Sticchi Damiani
copyright: Coribello/SalentoSport

LECCE – Sostenibilità economica, Sticchi Damiani ringrazia Gasperini: “Le sue parole indici di grande sensibilità sportiva”

Dopo le parole d’elogio proferite da Gian Piero Gasperini, allenatore dell’Atalanta, nei confronti di alcune società – tra cui il Lecce – il presidente giallorosso Saverio Sticchi Damiani incassa i complimenti e parla, ad ampio raggio, di sostenibilità dei club.

“Permettetemi innanzitutto di complimentarmi con l’Atalanta, col mister Gasperini e con la famiglia Percassi, col quale ci lega un’ottima amicizia ed una condivisione di valori che cerchiamo di portare avanti, a livelli certamente diversi, nei nostri rispettivi club. Pensare che Gasperini abbia voluto citare, a pochi secondi dalla vittoria del trofeo più importante della storia dell’Atalanta e della sua carriera, alcuni esempi virtuosi del nostro campionato, tra cui il Lecce, è indice di grande cultura e sensibilità sportiva. Ha menzionato alcune società che, in questa stagione, hanno vinto, non citando necessariamente quelle che hanno messo un trofeo in bacheca, ma solo quelle che hanno raggiunto il proprio obiettivo sportivo senza debiti e, quindi, senza falsare la competizione sportiva. Un messaggio efficace e potente quello di voler celebrare le società che raggiungono gli obiettivi sportivi, qualunque essi siano, senza ricorrere ai debiti, spendendo risorse di cui non si dispone. È un tema su cui insisto da anni, e mi sembra che quando, qualche tempo fa, dissi che quello della sostenibilità economica sarebbe diventato il tema del futuro, nonché il principale parametro per valutare la credibilità di un club, non dicevo una cosa del tutto fuori luogo. Oggi il Governo vuole addirittura introdurre un’agenzia dello Stato che controlli i conti del club, di fatto sottraendo tale funzione agli organi interni della Figc. Peraltro, è un tema su cui si sta sviluppando anche la sensibilità del tifoso che preferisce, come certificato da un sondaggio, avere un club sano e finanziariamente sostenibile, piuttosto che vincere un trofeo con una società piena di debiti e quindi dal futuro incerto. Temi del genere, anni fa, non erano interessanti per nessuno, adesso se ne parla addirittura al termine di una finale di Europa League. Il Lecce, per fortuna, rispetto a questi scenari, è già al lavoro da almeno quattro anni e sta giocando d’anticipo“.

(Nuovo Quotidiano di Puglia)