Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

in foto: S. Pierotti
copyright: Coribello/SalentoSport

LECCE – Pierotti: “L’assist a Sansone era la cosa più giusta da fare. Grato a società e tifosi per la fiducia”

Il protagonista di Lecce-Empoli, Santiago Pierotti, è stato ospite di Piazza Giallorossa, in onda su Telerama. L’argentino ha parlato del suo assist decisivo a Sansone, del suo ambientamento e delle prossime sfide che attendono lui e la squadra.

“Stavo lavorando per arrivare a questo momento molto importante per me e per la mia famiglia. Come mai ho deciso di passare il pallone a Sansone? Beh, ho sentito che in quel momento era la cosa più importante da fare per la squadra. Non ho nemmeno avuto il tempo di pensare al tiro, è stato tutto così rapido che ho pensato solo ad agire. Non avevo studiato i difensori dell’Empoli e quel numero è stato del tutto naturale. Il mister mi aveva chiesto di agire da seconda punta, di fare pressione alla difesa avversaria e di sfruttare quest’occasione. Sul gol di Cerri, dalla nostra posizione, si era visto subito che il portiere aveva preso la palla fuori area ma più passavano i secondi e più aumentava l’ansia. A fine gara Sansone mi ha ringraziato, dicendomi che non tutti avrebbero fatto una cosa del genere (un assist a un compagno meglio piazzato, nonostante si trovasse a tu per tu col portiere avversario, ndr). Sono molto grato alla società perché, sin dal primo momento, mi ha dimostrato grande fiducia. Il mio esordio con la Juve? Contro di loro si sapeva fosse una partita difficile, ma io voglio sempre giocare e non mi tiro mai indietro, fa parte del mio apprendistato. I tifosi del Lecce? Sono simili a quelli argentini, molto caldi. A loro dico grazie per la fiducia che ripongono in me, so che si aspettano grandi cose e cercherà di essere all’altezza delle loro aspettative, ripagandoli intanto con la mia gratitudine. La partita col Sassuolo? Sarà una partita difficile, noi non ci dobbiamo rilassare.