Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Squadra rivoluzionata e da lavori in corso: arriva un’altra sconfitta pre-campionato a Parma

Un Lecce da lavori in corso esce sconfitto dal Tardini di Parma nell’ultima amichevole prima dell’avvio della stagione ufficiale. Venerdì prossimo, infatti, è Lecce-Cittadella di Coppa Italia.

Marco Baroni lascia a riposo diversi big, schierando, davanti a Falcone, la difesa composta da Baschirotto, Dermaku, Calabresi e Frabotta; in mezzo al campo, via libera ai giovani della Primavera, Berisha e Gonzalez, insieme ad Askildsen; Davanti, il trio ha come vertice Ceesay, accompagnato da Di Mariano e Listkowski. In panchina ci vanno gli attuali potenziali titolari Colombo, Tuia, Helgason, Gendrey, Strefezza, Bistrovic e Hjulmand. Un’occasione, per l’allenatore del Lecce, di testare anche le alternative a sua disposizione contro una squadra solida come quella di Fabio Pecchia, che sembra già candidarsi ad un campionato da protagonista in B.

Dopo soli 40 secondi, Frabotta rischia la frittata con un contrasto in area su Vazquez che Prontera ignora. Sul capovolgimento, stacca Ceesay da corner, non sorprendendo Chichizola. I ritmi, in avvio, sono alti ma è alto anche il numero di errori tecnici del Lecce che gioca con troppa frenesia e con poca lucidità. Lentamente, il Parma prende più confidenza e avanza di qualche metro, costringendo il Lecce a chiudersi e a ripartite, ma con lanci lunghi che non hanno gli esiti sperati. Gli esterni di difesa stentano a mollare le ancore, anche perché hanno un gran da fare con gli esterni d’attacco del Parma, che, al 16′, costruisce la prima palla gol: lancio lungo per Mihaila che prende in contropiede Dermaku e Calabresi, ma trova Falcone all’intervento, prima col petto, poi col piede. Alla mezzora, Falcone è ancora decisivo sotto misura, anticipando un Vazquez più che minaccioso. L’unico spunto del Lecce è una sgasata di Listkowski sulla destra con palla indirizzata al centro per Ceesay, anticipato da Chichizola; poi, a rimorchio, Askildsen non mette dentro un facile pallone, rimpallato dal portiere del Parma e da un suo difensore. I giallorossi producono poco e sugli scudi sale ancora Falcone con una bella uscita di testa alla Neuer a liberare l’area; poi, il tiro di Berbabè dai 40 metri strappa applausi, ma niente altro. Al 40′, Mihaila trova ancora un super Falcone a pugni chiusi, poi Benedyczak, allo scadere, aggira Dermaku ma strozza troppo il diagonale da posizione defilata.

Tanti i cambi a ridosso del riposo; nel Lecce entrano Helgason (ammonito dopo 10 secondi dal suo ingresso in campo), Gendrey, Gallo, Bistrovic, all’esordio, e Rodriguez. Ma è il Parma ad affondare il colpo al 50′: Gallo, sulla tre quarti avversaria, azzarda un dribbling e perde pallone. Ripartenza velocissima dei ducali, ancora un lancio lungo per Mihaila che affetta i centrali e batte Falcone con un colpo sotto. Lo stesso Gallo, a caccia del riscatto, sgancia un sinistro in corsa dal limite che si alza troppo. Il Parma, quando verticalizza, fa del male ai giallorossi: stavolta, però, Tutino stacca debolmente e Falcone abbranca in presa. Al 60′ Rodriguez crea per Ceesay che mette dentro ma è in fuorigioco. Poco dopo, bella azione Ceesay-Helgason, il portiere del Parma è attento. Entra anche Hjulmand, ma, da lì in poi, il Lecce creerà pochissimo. Il più dinamico è Gendrey che, al 75′, mette al centro per Ceesay: girata lenta e larga, palla a lato. Bistrovic si vede poco, entra anche Persson, così come Ciucci e Blin, ma il caldo e la stanchezza si fanno sentire e il Parma ha gioco facile per portarsi a casa la vittoria.

Il Lecce, come ben noto, è ancora da completare in diversi settori. Nei prossimi giorni, sarà ufficializzato Di Francesco, ma Corvino e Trinchera sanno benissimo cosa manca a questa squadra e sono al lavoro per trovare le soluzioni. Si spera, non in tempi lunghi.

IL TABELLINO

Parma, stadio “Ennio Tardini”
venerdì 29 luglio 2022, ore 20.45
Amichevole

PARMA-LECCE 1-0
RETI: 50′ Mihaila

PARMA (4-2-3-1): Chichizola – Delprato (56′ Coulibaly), Romagnoli (90′ Balogh), Valenti (73′ Circati), Oosterwolde – Estevez (90′ Bauli-Kiala), Juric (66′ Sohm) – Mihaila (66′ Bonny), Vazquez (73′ Camara), Barnabè (55′ Man) – Benedyczak (55′ Tutino). All. Fabio Pecchia.

LECCE (4-3-3): Falcone – Baschirotto (46′ Gendrey), Dermaku (76′ Tuia), Calabresi (81′ Ciucci), Frabotta (46′ Gallo) – Askildsen (46′ Bistrovic), Berisha (66′ Hjulmand), Gonzalez (46′ Helgason) – Listkowski (81′ Blin), Ceesay (76′ V. Persson), Di Mariano (46′ Rodriguez). In panchina: Bleve, Brancolini, Colombo, Strefezza. All. Marco Baroni.

ARBITRO: Prontera di Bologna.