LECCE – Segna, corre e trascina la squadra. Con un Miccoli così si può sognare

Quando ad inizio estate Fabrizio Miccoli ha firmato per giocare con la sua squadra del cuore, sapeva a cosa andava incontro: forti pressioni da parte della piazza, trattamento di riguardo da parte degli avversari ed ovviamente l’emozione di giocare con una maglia che sognava di indossare fin da piccolo.

Per questi motivi, la prima parte della stagione del “Romario del Salento” non è certo stata semplice. La difficoltà di trovare la sua dimensione in una categoria molto diversa, e non solo per l’enorme differenza tecnica, rispetto alla Serie A si univa ai problemi fisici a cui è spesso andato incontro, complici i tanti calci subiti ed una condizione non ancora al top.

Già verso la fine del girone d’andata, tuttavia, si erano visti dei notevoli cambiamenti, che hanno registrato un crescendo continuo fino all’ultimo periodo, in cui il popolo giallorosso ha potuto ammirare il campione che ha trascinato il Palermo negli ultimi anni. Doppietta all’Ascoli, il migliore nella disfatta di Viareggio (assist al bacio non sfruttato da Bogliacino e palo nella ripresa) e tripletta al Pontedera.

Più che i gol, nelle ultime prestazioni del capitano giallorosso ha colpito il grande stato di forma fisica. Sempre presente in ogni azione d’attacco del Lecce (con il Pontedera, su 9 occasioni da gol, 7 sono nate dai suoi piedi), pressing asfissiante sui difensori avversari, tantissimo movimento in fase di non possesso e, soprattutto, grande grinta nel trascinare i compagni nei momenti di maggiore difficoltà.

Con un Miccoli in questa condizione davvero poche squadre, se non nessuna, possono considerarsi superiori ad un Lecce che può contare su un bomber (da domenica capocannoniere in coabitazione del campionato), un attaccante completo e, soprattutto, un grande capitano. I tifosi sono autorizzati a sognare: se non sarà primo posto, giocare i play-off potendo contare su un Romario del Salento tornato ai suoi livelli sarà più facile.

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già collaboratore de Il Giornale di Puglia, il Corriere dello Sport e, dal 2013, redattore di SalentoSport.net.

Articoli Correlati

  • meluso LECCE – Ufficiale, si separano le strade col ds Mauro Meluso

    Si avvicina sempre di più il ritorno di Pantaleo Corvino a Lecce. Poco fa, la società di via Costadura ha comunicato l’interruzione del rapporto contrattuale col ds calabrese, artefice delle due promozioni dalla C alla A. “Il direttore Meluso – si legge – ha significativamente contribuito al raggiungimento della doppia promozione del Club dalla Lega…

  • lega-serie-b-logo-2018-19 SERIE B – La lista (approssimativa) ai nastri di partenza del campionato cadetto 2020/21

    Hanno preso il via ieri sera i playoff di Serie B che vedevano in ballo anche l’Empoli di Andrea La Mantia, eliminato dal Chievo dopo l’1-1 al Bentegodi al 120′. Lo stesso La Mantia, inoltre, ha fallito un calcio di rigore al 103′, ma non è stato il solo: nei tempi regolamentari, avevano sprecato un…

  • corvino pantaleo ss LECCE – Tre prove che fanno un indizio: l’ipotesi Corvino (con Liverani) regge

    L’ipotesi di un ritorno di Pantaleo Corvino a Lecce regge. L’idea era già nell’aria anche prima di Lecce-Parma di domenica scorsa. La proprietà di via Costadura si è riunita due volte negli ultimi tre giorni, prima e dopo la funesta partita persa contro i ducali. C’è, di base, il desiderio di porre le fondamenta per…

  • giudice-sportivo SERIE A – Il Giudice sportivo della 38ª e ultima giornata

    Dieci calciatori dovranno saltare la prima gara della prossima stagione in quanto squalificati. Queste le decisioni del Giudice sportivo relative alla 38esima e ultima giornata di Serie A Tim. CALCIATORI Una giornata: Sofyan Amrabat (Verona, oltre ad un’ammenda di 5mila euro), Francesco Cassata (Genoa, oltre ad un’ammenda di 5mila euro), Kristoffer Askildsen (Sampdoria), Cristian Romero…

  • gabriel-lecce LECCE – Promossi e bocciati: i top e flop della stagione 2019/20 secondo le nostre pagelle

    I numeri non mentono mai. Il Lecce è retrocesso in Serie B avendo la peggior difesa della Serie A con 85 reti incassate in 38 gare (poco più di due reti a partita, di media), e ciò lo si desume anche dal rendimento dei difensori a disposizione di mister Fabio Liverani. Analizzando le nostre pagelle,…