Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Ripescaggio in Serie B, tutto ruota attorno alla posizione del Brescia

Con il comunicato 327/A del 30 giugno 2015, la Figc ha reso noti i criteri per la formazione delle classifiche dei ripescaggi per i vari campionati.

A prima vista, tali criteri svantaggerebbero la posizione del Lecce che ambisce ad un ripescaggio in Serie B. Il problema è di carattere interpretativo e operativo. La classifica ripescaggi è strutturata in questo modo: per il 50% vale la classifica dell’ultimo campionato, per il 25% la tradizione sportiva del club, per il 25% restante il numero di spettatori medio dalla stagione 08/09 alla stagione 13/14.

Citando il comunicato: “Per il ripescaggio al Campionato di Serie B 2015/2016 si formerà una griglia composta dalle società retrocesse dal Campionato di Serie B al Campionato di Lega Pro – Divisione Unica al termine della stagione agonistica (2014/2015) e dalle società, che partecipando al Campionato di Lega Pro – Divisione Unica (2014/2015) hanno conservato il diritto di partecipazione a tale campionato al termine della stagione agonistica (2014/2015)”.

Il Lecce, relativamemnte a questa classifica, otterrebbe 36 punti come migliore delle seste classificate nei tre gironi di Lega Pro (Lecce 67 girone C, Ancona 57 girone B, Feralpisalò 56 girone A). Un discreto punteggio potrebbe essere incamerato per il criterio della tradizione sportiva, grazie al quale potrebbero “pesare”, nel carniere dei giallorossi, le tante stagioni giocate tra Serie A e Serie B dal 1976 al 2012.

Tutto da valutare, invece, il peso dei punti ottenuti col il terzo criterio, quello del numero medio di spettatori nelle gare interne nelle ultime cinque stagioni.

La questione ruota attorno alle tempistiche con cui si emetteranno le sentenze per i processi calcioscommesse che riguardano il Catania, e non solo. A quest’aspetto s’intreccia anche la modalità di scelta della squadra che rimpiazzerà il Parma, sprofondato nei Dilettanti. E che fine farà il Brescia, una delle squadre favorite per il ripescaggio, ma, al contempo, una delle società coinvolte nel gorgo del calcioscommesse? E la Federazione agirà prima o dopo le sentenze di primo grado?

Tenuto conto che per il primo pronunciamento potrebbe passare oltre un mese, si preannuncia un’estate di fuoco, come, d’altronde, le ultime trascorse sotto il sole del Salento.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment