LECCE – ‘Rinascita’, firmato Daniele Corvia

La rete che si gonfia e passa tutto. Un bel viatico quando il mondo ti è crollato addosso: il calcioscommesse, le accuse, Muriel-Di Michele una coppia inarrivabile, il rapporto con i tifosi e quella nomea da bomber sì, ma da serie cadetta.

La vita come una roulette, la pallina gira sempre e ogni tanto cade sul tuo numero. Nella serata di mercoledì uscito il numero di Daniele Corvia. Prima della partita contro il Catania era sceso in campo 19 volte, con all’attivo una sola rete a Napoli, per giunta inutile arrivata allo scadere, che sanciva il 4-2 partenopeo. Ma in quella gara lo sguardo fu rivolto alle imprecazioni lanciate da De Sanctis alla rete del 4-1 siglata da Cavani e a quella frase sibillina dell’ex Lucarelli: “Mancano ancora 8 minuti”.

L’INCUBO – Per un predone della aree avversarie non è mai facile essere messo in disparte. I tifosi ti rimproverano i goal mangiati e la carta stampa non è di certo clemente. Allora ti circondi di silenzio anche quando vengono a bussare alla tua porta nel caos delle scommesse per un presunto account di Skype con cui, secondo le malelingue, ti mettevi in contatto con gli allibratori di turno. Con un’altra “colpa” quella di essere amico, dai tempi delle giovanili romane, di Alessandro Zamperini, uno dei “perni” dall’operazione “Last Bet”

LA FAMIGLIA – Il nido che ti crea attorno la famiglia attutisce tutti i colpi. La moglie Sara e i figli Syria e Cristian hanno preso per mano il numero 9 giallorosso e lo hanno trainato in questi mesi nefasti, sempre in silenzio, in sordina perché per uscire dal tunnel bisogna, anche, lavorare sottotraccia. La famiglia, ma anche gli amici, sono importanti e per Corvia il Re di Lecce è stato una mano nel buio. Ad ogni goal David Di Michele correva verso di lui per abbracciarlo, un gesto da fratelli, un gesto di sangue, sangue romano.

LA SVOLTA? – Il calcio sa regalare sorprese e ritorni. Domenica a “San Siro” è stato il turno di Amauri, al goal dopo un anno. Ieri quello di Daniele. In questa stagione spesso gli è capitato di scendere in campo quando il 90° era alle porte. Ma a Catania qualcosa s’inverte. Recupera qualche pallone in mediana e segue l’azione iniziata da Bertolacci, altro romano, che serve Muriel. Il colombiano con infinita generosità, un altro gesto del destino, gli appoggia il pallone e Carrizo viene trafitto: 1-1. Entra anche nell’azione del 2-1 con il tiro ribattuto, alla meno peggio, da Lodi e Di Michele, altro segno di uno strano gioco, fa gridare “clamoroso al Cibali” di ciottiana memoria.

NAPOLI – Domenica a Lecce arriva il Napoli. I partenopei sono stati infilati nelle ultime due occasione dall’ex Empoli, come ricordavamo, all’andata e nell’ormai celeberrimo 2-1 dello scorso anno con rete dello stesso Corvia e sigillo di Chevanton. La panchina lo attende sempre, ma può essere la nuova arma nell’arsenale Cosmi da qui alla fine del campionato per dare un dispiacere agli Dei del calcio che hanno la veste rossoblu e viola.

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati

  • riccardi LECCE – Quattro cessioni all’orizzonte, due giovanissimi in entrata. Le ultime dal mercato

    Si apre con diversi movimenti in entrata ed in uscita pronti ad essere finalizzati l’ultima settimana di mercato estivo del Lecce. Il club giallorosso si sta muovendo tanto per sfoltire ed al contempo rinforzare la rosa e, in attesa delle mosse sui big, sta per salutare altri quattro imminenti. Manca ormai solo l’annuncio per l’addio…

  • LECCE – Corini: “Felice ed orgoglioso della prova dei ragazzi. Mancato il guizzo per vincerla”

    Tutto sommato è un mister Eugenio Corini soddisfatto quello che analizza il pari interno contro il Pordenone. Queste le parole ex Brescia al termine dell’esordio stagionale. BUONA PRESTAZIONE – “È stata una prestazione buona. Nei primi 15 minuti eravamo troppo nervosi e questo ha consentito al Pordenone  di essere pericoloso. Piano piano però la squadra…

  • listkowski-marcin-lecce-pordenone-260920-ss-cori LECCE – Listkowski prova subito a lasciare il segno, Mancosu e Petriccione sottotono: le pagelle del pari interno con il Pordenone

    LE PAGELLE DI LECCE PORDENONE Gabriel voto 6,5: provvidenziale su Ciurria in avvio di gara, attento e ben posizionato sulla conclusione di Mallamo nella ripresa. Per il resto si conferma estremo difensore dalla grande affidabilità, ricominciando la nuova stagione da dove aveva interrotto quella passata. Calderoni voto 5,5: spesso dalle sue parti tende ad allargarsi…

  • LA CRONACA – Lecce, esordio a velocità ridotta. Con il Pordenone giusto pari a reti bianche

    Si approccia con uno 0-0 non particolarmente entusiasmante il Lecce al nuovo campionato, bloccato dal Pordenone che non ha rubato nulla. Gambe pesanti ed idee confuse per i ragazzi di Corini, che alla lunga sono entrati in gara ma non facendo nulla di straordinario per vincerla. La classifica dei salentini si muove così con un punto. Scelte…

  • lecce-via-del-mare-stadio-180819-ss LIVE! LECCE-PORDENONE, il tabellino

    LIVE! LECCE-PORDENONE, il tabellino Lecce, stadio “Via del Mare” sabato 26 settembre 2020, ore 14 Serie B 2020/21  – giornata n. 1 LECCE-PORDENONE 0-0  RETI: – — FINALE — LECCE (4-3-3): Gabriel – Zuta, Lucioni, Meccariello, Calderoni – Henderson, Majer, Petriccione – Mancosu (85′ Adjapong), Coda (72′ Dubickas), Listkowski. A disp. Bleve, Milli, Rossettini, Pierno, Gallo,…