Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

in foto: Y. Ramadani
copyright: Coribello/SalentoSport

LECCE – Ramadani, testa e cuore: “Ringrazio sempre chi spende soldi per sostenerci. Continuiamo così”

Tra i pochi elementi assolutamente insostituibili di questo Lecce, Ylber Ramadani è padrone della mediana anche con Luca Gotti. Oggi l’albanese ha parlato in conferenza stampa.

Il centrocampista tiene alta l’attenzione in vista dei successivi impegni agli ordini di Luca Gotti: “Questa vittoria è stata importante, abbiamo vinto uno scontro diretto e le altre hanno pareggiato. La Serie A non è facile e restano sei partite per prendere punti. Mister Gotti? Dobbiamo dare tutto per dimostrargli di far bene, vincere le partite e cercare la salvezza. Lui ha cambiato modulo per le partite, ora giochiamo col centrocampo a due e siamo compatti. In tre partite abbiamo subito 0 gol e per noi è una buona direzione”.

Il Lecce punterà alla porta inviolata in casa del Sassuolo. Anche se non sarà facile è questa la direzione impressa. Lo ribadisce Ramadani, arrivato nel Salento dall’Aberdeen: “Ogni partita andiamo per difendere la porta. Se non prendi gol fai sicuramente punti e noi dobbiamo entrare con questa mentalità, poi se facciamo il gol bene. Non abbiamo conquistato ancora la salvezza, mancano ancora punti. Non dobbiamo pensare di avercela già fatta, servono punti per la sicurezza matematica ma dobbiamo ancora andare avanti in altre partite”.

Il nazionale albanese punta all’obiettivo della permanenza, viatico prima della partecipazione con la sua Nazionale agli Europei in Germania. L’Albania è inserita nel Girone B con Croazia, Italia e Spagna: Io quando entro in campo ho tanta fiducia, non ho paura di nessuno, voglio solo fare bene per i miei compagni e vincere. Prima penso alla salvezza e poi agli Europei”.

A fine partita, Ramadani ha tenuto a ringraziare tutti i settori dello stadio dopo l’ovazione presa dalla Curva Nord: “Io voglio salutare tutti. La gente paga soldi per venire, mi piace e lo stadio è spesso sold out. Voglio e volevo ringraziare tutti perché abbiamo vinto la partita”.

Una delle novità apportate da Luca Gotti è la coppia di centrocampo tra Ramadani e Blin. La loro coabitazione ha irrobustito la fase di non possesso e alzato il baricentro del 28enne: “Mi dà equilibrio, io con lui posso andare più avanti per fare pressione. Da solo rimanevo spesso dietro, mentre ora posso attaccare. Mi dà copertura se attacco ed è perfetto”.