Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Gargiulo l’affamato: “Questa piazza è come me, vuole vincere”

È tornato a parlare Mario Gargiulo, uno degli ultimi acquisti di Pantaleo Corvino per il nuovo Lecce. L’ex Cittadella si è pronunciato in conferenza stampa poco fa parlando della sua voglia di far bene in giallorosso.

La sua duttilità gli consente di essere utile a Baroni: “Sono un giocatore che può fare più ruoli a centrocampo e, di conseguenza, mi adatto a più schieramenti. La possibilità di avanzarmi  sulla trequarti e proporre il 4-2-3-1 è venuta per caso nel corso del match di Cittadella, in seguito ad una lettura della gara del mister. Se c’è da farlo lo faccio volentieri perché mi piace e mi trovo a mio agio con le mie caratteristiche”.

La mentalità è di chi non si arrende mai. “Il mio pressing che per poco non portava al poker con il MonzaNon mollare mai è una mia caratteristiche e lo è anche del Lecce. Serve far capire alle squadre avversarie che nemmeno sul 3-0 ci abbassiamo e non andiamo mai sottotono”.

Sulla sosta: “C’è chi dice che era un bene continuare a giocare visto il filotto di vittorie, ma c’è anche chi dice che serviva recuperare gli acciaccati e le fatiche delle tante gare in pochi giorni disputate. Bisogna solo farsi trovare pronti alla trasferta di Ascoli“.

Gargiulo apprezza la pressione della piazza: “Ho vissuto tranquillamente l’approccio con la pressione di questa piazza. Sapevo dove venivo, sapevo che al Lecce si vuole vincere ed io ho sempre voluto arrivare in una realtà con questa mentalità. Sappiamo che il campionato è lungo e sarà difficile, noi dobbiamo mettercela tutta in questo senso”.

Sul prossimo avversario: “Sarà una gara tosta, lo dice la classifica che ci vede un punto sopra loro. Ci saranno tanti duelli, sarà molto complicato ed equilibrato. I duelli aerei e le palle inattive potrebbero fare la differenza”.

Il gol manca eccome: “Mi manca tanto quella sensazione, la ricercavo tanto anche negli allenamenti fermandomi lì dopo un’oretta. Spero di ritrovarla il prima possibile, ci tengo”.

Un nome per la lotta alla promozione: “Sono tutte toste le squadre, quest’anno più dell’anno scorso. Tra le squadre che non abbiamo ancora incontrato in campionato c’è il Parma, una squadra che ho visto giocare e mi ha impressionato perché fa un bel calcio”.

(Foto: M: Gargiulo, ph. Coribello-SalentoSport)