Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Derby da incubo, gioia Bari con Okaka

Magari si trattasse di un brutto incubo, di una partita alla playstation o solo di un film. Invece no. La realtà è che il Lecce fallisce clamorosamente la possibilità di agguantare nello stesso tempo tre punti e spingere il Bari sempre più giù. Ci pensa Okaka, l’ultimo arrivato alla corte di Ventura, a rovesciare i piani dei giallorossi, offrendo così ai galletti la possibilità di tornare a respirare in classifica.

Nella prima dell’anno il tecnico De Canio (anche se squalificato, in panchina siede il vice Rizzo) lancia dal primo minuto Tomovic, in un albero di natale con Piatti e il rientrante Chevanton alle spalle di Ofere. Di contro Ventura risponde con un più compassato 4-4-2 che prevede Caputo e Kutuzov come terminali offensivi.

Pronti via e Fabiano scalda i guantoni di Gillet con un colpo di testa. Il Bari risponde al 13′ con Kutuzov, facile per Rosati. Il match si gioca su buoni ritmi: al 26′ ancora Lecce con Ofere, Gillet blocca con sicurezza. Il primo tempo si conclude a reti bianche.

Nella ripresa la scossa del Bari arriva con l’ingresso di Okaka, prelevato dalla Roma. Siamo al 64′ e l’ex Fulham avrebbe subito l’opportunità di gonfiare la rete, Rosati è bravo a chiudere. Ma il duello si rinnova pochi minuti dopo e stavolta, sulla girata di sinistro dell’under 21 italiano, per il numero uno giallorosso non c’è niente da fare. Bari in vantaggio, per la gioia dei 1700 sostenitori biancorossi al seguito. Il Lecce si scaglia in avanti più con il cuore che con la testa, entra Grossmuller per Donati. Ma l’unica emozione da segnalare è un’entrataccia di Giacomazzi su Gillet, che costa l’espulsione all’uruguayano, quando già scorrono i titoli di coda sul match.

Per i giallorossi non c’è più tempo. Peggior chiusura del girone di andata non poteva esserci. Il Bari si aggiudica l’attesissimo derby e si porta a -1 dai cugini. Nei prossimi tre turni il Lecce affronterà Lazio, Milan e Fiorentina, se l’obiettivo è la salvezza urge una rapida inversione di tendenza.

IL TABELLINO

Lecce, stadio Via del Mare
giovedì 6 gennaio 2011
Serie A 2010/11 – giornata 18

LECCE-BARI 0-1
RETI: 32′ st Okaka

LECCE (4-3-2-1): Rosati; Tomovic, Donati (39 ‘st Grossmuller), Fabiano, Mesbah; Munari, Giacomazzi, Olivera; Piatti (25′ st Vives), Chevanton (12’ st Corvia); Ofere. A disposizione: Benassi, Gustavo, Jeda, Bertolacci. All.: De Canio (squalificato, in panchina Rizzo).

BARI (4-4-2): Gillet; Masiello, Belmonte, Glik, Raggi; Alvarez, Donati, Gazzi, Rivas (47′ st Romero); Caputo (11′ st Okaka), Kutuzov (42′ st Pulzetti). A disposizione: Padelli, Rinaldi, Crimi, Rana. All.: Ventura.

ARBITRO:
Tagliavento di Terni.

NOTE: ammoniti Munari (L), Belmonte (B); espulsi: al 45′ st Giacomazzi per somma di ammonizioni.