Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – D’Aversa e la Coppa: “Non ci sarà una squadra riserve e guai a sottovalutare il Parma”. I convocati

Intermezzo di Coppa Italia domani per il Lecce, atteso dalla sfida dei sedicesimi della competizione tra le mura amiche con il Parma. A presentare la gara, come di consueto, mister Roberto D’Aversa.

L’allenatore ha subito messo in chiaro la sua idea riguarda alla formazione: “Rispetto all’ultima ci saranno diverse novità, ma quando leggerete la formazione capirete che non si tratta assolutamente di un Lecce 2. Ho sempre detto che sono in difficoltà nello scegliere chi va in campo, poi decido sempre in base alle caratteristiche di cui ho bisogno. Sicuramente non si parla di riserve”.

Sul alcuni possibili sostitutiBerisha è un elemento che avrebbe già in passato meritato l’esordio per le qualità che ha, come stato per Dorgu, Corfitzen. Per necessità Dorgu ha dimostrato di essere pronto, come ha fatto Corfitzen in uno spezzone. Mi auguro che domani Berisha possa giocare ma non perché io debba regalargli un premio, quello che domani riceve il ragazzo è meritato”.

D’Aversa vuole vincere e passare il turno: “Le difficoltà ci possono essere se si pensa di affrontare un Parma di categoria inferiore, cosa vera solo sulla carta, e perché ci sono degli infortuni, altrimenti ci troveremmo a disputare questa gara con una rosa al completo e grandi scelte a disposizione in ogni ruolo. Nonostante queste difficoltà la nostra volontà resta quella di passare il turno anche perché qualora passassimo il turno resta sempre un’opportunità per chi magari ha giocato meno durante l’anno anche se meriterebbero più minutaggio. E’ vero che ci si allena sempre per un unico obiettivo ma avere l’opportunità in campo è sempre utile, che sia in campionato o in Coppa Italia”.

Pongracic chiamato dalla Croazia come frutto di un lungo percorso: “A me fa piacere del suo ritorno in Nazionale. Veniva da un campionato difficile per l’infortunio, l’ho motivato perché a stare fuori sei mesi si rischia anche di perdere delle certezze. Ha lavorato sodo ed ha avuto una crescita da inizio campionato esponenziale sotto vari punti di vista. Tutto questo ha portato alla convocazione in Nazionale”.

Le possibilità di formazione sono molteplici: “Vediamo domani chi giocherà. Come detto non sarà un Lecce 2, Piccoli e Sansone hanno sempre fatto bene, Listkowski si allena a 200 all’ora, Strefezza è sempre stato utilizzato part-time in qualsiasi ruolo. Abbiamo giocato lunedì, sabato e poi ora è mercoledì. Ci sono impegni importanti con Parma e Roma, vanno considerati anche in termine di energie”.

Affrontare il Parma per D’Aversa non sarà certo gara priva di emozioni: “Non mi piace parlare del passato, conta poco e contano presente e futuro. Ci sono due proprietà, la prima capeggiata dal dottor Pizzarotti dove si è fatto qualcosa di straordinario prima di me, perché sono partiti dalla D facendo qualcosa che nessuno aveva fatto prima, contando i salti in C, B, A e le due salvezze di fila. E’ stato davvero bello, possibile solo perché c’è stata unità d’intenti. Pur essendo tanti proprietari ci si sentiva una famiglia come qui. Mi hanno consentito di lavorare sempre con la massima serenità. Poi c’è stata la seconda parentesi, in cui da gennaio le cose non sono andate come dovevano andare. Ho però sempre bei ricordi della città in cui ho vissuto bene. Domani avrò grande piacere di rivedere le persone con cui ho lavorato. Il presente però dice Lecce e farò di tutto per portare avanti il cammino del Lecce”.

Sui principali infortunati:

Blin e Kaba stanno procedendo con un percorso personale. Per il secondo c’è qualche speranza per la gara di domenica, mentre Blin va avanti secondo i tempi previsti dopo l’esito degli esami e ci vuole tempo”.

Ecco i convocati per il match di domani:

PORTIERI: Brancolini, Samooja, Falcone, Borbei

DIFENSORI: Baschirotto, Dorgu, Gallo, Gendrey, Pongracic, Smajlovic, Touba, Venuti

CENTROCAMPISTI: Berisha, Faticanti, Gonzalez, Oudin, Rafia, Ramadani, Samek

ATTACCANTI: Almqvist, Banda, Krstovic, Listkowski, Piccoli, Sansone, Strefezza