Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Corini e la voglia di rialzarsi: “Siamo carichi e arrabbiati, ma occhio al Vicenza”. I convocati

L’allenatore del Lecce Eugenio Corini ha parlato in conferenza stampa, subito dopo la rifinitura, alla vigilia del match con il Vicenza di domani pomeriggio alle 14.

La voglia di ripartire è tanta: “Abbiamo metabolizzato la sconfitta con la SPAL. Ci attendono 5 gare da affrontare al meglio in questo finale di stagione, gara dopo gara e senza farci distrarre. Servirà cattiveria con il Vicenza, avversaria tosta, ma a noi è rimasta rabbia per il ko subito e vogliamo trasferire il gran lavoro fatto e la voglia di ripartire in una buona prestazione sul campo. Il Vicenza è una squadra neopromossa che sta facendo un ottimo campionato. Hanno a lungo giocato con il 4-4-2, variando ultimamente anche con un paio di altre soluzioni. Leggo che hanno qualche defezione offensiva, ma comunque tante soluzioni tecnico e tattico vista la rosa vasta. Sono avversario solido e giocano in modo molto aggressivo, vengono da due ko e per questo saranno ancora più aggressivi“.

Sulla probabile formazione: A centrocampo siamo ancora un po’ corti, tra infortuni e squalifiche. Hjulmand è duttile e si può adattare in varie soluzioni, il fatto di vederlo mezzala è una soluzione. Chi giocherà è già pronto, insisto molto in settimana su chi penso possa essere titolare e comunque la rosa mi ha consentito di avere, nonostante le defezioni, sei centrocampisti per quattro posti. Pettinari era un po’ affaticato e abbiamo fatto esami per cautela, ma è apposto. E’ pienamente recuperato e pienamente disponibile al netto di qualche acciacco che, come detto, ha avuto ma è stato bravo a mettersi alle spalle. Dermaku è cresciuto tantissimo in questo periodo. Non l’ho potuto valutare a gara in corso perché vista la situazione non ci è consentito avere contatti esterni dunque le amichevoli che prima si facevano con la Primavera per testare il minutaggio ora non ci sono. So però che c’è, che ha lavorato tanto per essere disponibile e resta una possibilità per noi”.

Il tecnico ha molto apprezzato la vicinanza del club: “E’ un’annata particolare per tutte le squadre, il lavoro di tutti è cambiato. Per questo il gruppo era ancora più importante e la squadra si è unita e compattata molto. A favorire ciò ci sono state le componenti societarie, che anche in questa settimana ci hanno mostrato la loro vicinanza come ben sapete. La prestazione con la SPAL c’è stata, dunque è giusto arrivare calmi e carichi al prossimo match. Siamo consolidati, calmi e tutti uniti nell’ambiente Lecce“.

Una battuta sul caos che si sta registrando in Serie B: “Da quando certe situazioni sono passate sotto la giurisdizioni della Asl è chiaro che tutto ha preso una piega particolare. Noi siamo molto attenti agli sviluppi, sono sempre aspetti che valutiamo. Confidiamo tutti nel fatto che il campionato sia regolare fino alla fine”.