LA CRONACA – Mancosu-gol non basta, contro l’Andria il Lecce chiude con un pari. Applausi e cori per mister Rizzo

Il sardo apre le danze, Tartaglia pareggia nella ripresa. Altri segnali incoraggianti per i giallorossi, senza stimoli di classifica a differenza degli andriesi

mancosu-marco-lecce-mc

Si conclude con un 1-1 la stagione regolare del Lecce, bloccato sul pari dalla Fidelis Andria, che a causa di questa mancata vittoria perde il treno dei playoff. Spareggi che attendono invece i giallorossi, e per i quali si sono visti anche quest’oggi segnali incoraggianti, viste le tante palle gol create a fronte del solo tiro subito. Tra i segnali più belli, sicuramente il caloroso abbraccio che il Via del Mare ha rivolto a mister Roberto Rizzo, al nuovo esordio sulla panchina del club della sua città.

Il primo tempo prende il via con il Lecce proiettato in avanti e che non sembra intenzionato a temporeggiare, ma cerca subito di aggredire la porta della Fidelis Andria, accorta a protezione della propria area con cinque difensori. Dopo sei minuti la prima palla gol del match: bella azione corale tutta verticale dei ragazzi di Rizzo, con la palla che giunta a Pacilli viene calciata a fil di palo dall’11 mancino. Azione quasi in fotocopia un minuto dopo e stavolta a cercare di finalizzare e Torromino, il cui destro a giro si spegne di poco sul fondo. Al 19′ l’estremo ospite Cilli è chiamato al primo intervento della sua partita, parando in due tempi il potente destro dalla distanza di capitan Lepore. Il minuto ventitré è invece quello della prima conclusione di marca biancazzurra, operato da Croce che calcia forte ma non trova la porta dal limite dell’area. Tre minuti più tardi la bella combinazione nello stretto tra Caturano e Costa Ferreira libera al tiro il portoghese, il cui sinistro dai venti metri è di poco largo alla sinistra di Cilli. Al 31′ la prodezza di Mancosu spacca la partita e porta in vantaggio il Lecce: il centrocampista sardo, al rientro al Via del Mare dopo oltre due mesi, riceve da Pacilli sulla tre quarti e, dopo un’accelerata impressionante, batte il numero 22 andriese con una precisa conclusione rasoterra. Al 34′ accenno di reazione della Fidelis Andria con il suo bomber Cianci, bravo a intercettare l’errato disimpegno di Giosa ma non altrettanto nel concludere, producendosi, in un diagonale decisamente fuori misura. Più vicino alla marcatura, sul ribaltamento di fronte, proprio Giosa, che di testa sfiora la traversa su suggerimento da calcio da fermo di Lepore. Nel finale di tempo i giallorossi non arretrano il proprio raggio d’azione, ma non riescono a trovare la via della conclusione.

Nella ripresa il Lecce scende in campo nuovamente con il piede sull’acceleratore, e va vicino al bersaglio grosso dopo due minuti con Arrigoni, al tiro dal limite: la palla termina alta sopra la traversa. Al 13′ Caturano avvia un contropiede magistrale che libera al tiro Torromino, il cui destro dai 15 metri è fuori misura. L’azione si ripete due minuti dopo e stavolta il destro del 7 locale è ancor più insidioso, ma smorzato da Tartaglia termina lento tra le braccia di Cilli. Al 21′ ecco inatteso il pareggio della Fidelis Andria, che va a segno nel primo tiro in porta del suo match. A realizzare è Tartaglia, bravo a deviare di testa il perfetto suggerimento su punizione di Curcio. In seguito al pari ospite i giallorossi tornano alla carica della porta avversaria, provandoci con un colpo di testa di Torromino alla mezz’ora che si spegne nettamente sul fondo. Al 36′ gran botta al volo dai trenta metri di Costa Ferreira, con la palla che sfiora l’incrocio dei pali. Nel finale l’undici di Rizzo, forte della superiorità numerica in seguito all’espulsione di Cianci, si riversa in attacco, fallendo all’ultimo istante l’occasione della vittoria con Costa Ferreira, il cui diagonale mancino sibila di pochi centimetri alla destra del palo. Il match si chiude così sul punteggio di 1-1.

Ora il Lecce dovrà attendere l’esito del primo turno dei playoff tra Gubbio e Sambenedettese, in programma domenica prossima, per conoscere il nome del proprio avversario, contro il quale scenderanno in campo domenica 21.

QUI IL TABELLINO DI LECCE-FIDELIS-ANDRIA

Alessio AMATO
Giornalista, scrittore e imprenditore nel settore dei servizi culturali. Iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2016, già collaboratore de Il Giornale di Puglia, il Corriere dello Sport e, dal 2013, redattore di SalentoSport.net.

Articoli Correlati