Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Corini, da Cosenza un punto difficile da digerire: “Partita da vincere”. Poi spiega la lite con Aureliano

Difficile da digerire il punto preso a Cosenza per il tecnico del Lecce, Eugenio Corini.

“La squadra – ha detto nel post gara – ha costruito tantissimo e per quanto ha prodotto, questa era una gara da vincere. Sapevamo di poter soffrire e concedere qualcosa, in alcune occasioni è stato bravo il loro portiere, in altre non lo siamo stati noi, ma non posso rimproverare nulla ai miei. Dobbiamo essere più incisivi, peccato non portare a casa partite dove si costruisce così tanto”.

NOTTE MOVIMENTATA“Ai ragazzi vanno fatti complimenti particolari. Questa notte abbiamo fatto i tamponi, poi sono rimasti concentrati e preparati, in campo hanno fatto le cose che dovevano fare e meritavamo un risultato diverso. C’era preoccupazione per le due positività e, soprattutto, per evitare di averne delle altre. La salute è al primo posto, siamo rimasti ben concentrati e dobbiamo mantenere questo spirito di unità”.

CINISMO“Dobbiamo essere più cinici. Se vuoi fare un tipo di proposta di calcio del genere, metti in preventivo che puoi rischiare qualcosa, ma alla fine se produci una tal mole di gioco, sicuro segni un gol in più degli avversari”.

ESPULSIONE “Non ci siamo capiti con Aureliano. Sono uscito dall’area tecnica ma per richiamare l’attenzione dei miei ragazzi, non per protestare. Lui si è rivolto a me in un modo che non ho capito, io ero nervoso e mi ha mandato fuori. Ma non ce l’avevo con lui”.

DERMAKU“Ha un probabile stiramento, martedì farà gli esami. Speriamo sia meno grave possibile il suo infortunio”.