LECCE – Corini: “Cremonese squadra solida. La sberla di Brescia mi ha aiutato a lavorare su alcune cose…”. I convocati

L'allenatore, in sala stampa, ha parlato del cappotto subito venerdì sera e della gara di domani contro un avversario "solido". Tra i convocati out solo Mancosu e Dubickas, recuperabili per Cosenza

Foto: E. Corini (©SalentoSport)

Alla vigilia di Lecce-Cremonese, mister Eugenio Corini è sceso in sala stampa al “Via del Mare” per riprendere il discorso sulla brutta sconfitta di Brescia e per parlare del prossimo avversario.

TACHTSIDIS “I convocati li darò dopo l’allenamento del pomeriggio, anche se domattina faremo una breve rifinitura all’Acaya. Dovrebbero mancare solo Mancosu e Dubickas. Entrambi però potrebbero essere disponibili per la trasferta di Cosenza. Su Tachtsidis, il direttore ieri è stato chiaro: i passaggi che erano necessari sono stati fatti, c’è stata una mano tesa da tutti noi e il ragazzo è tornato disponibile e motivato, per noi è una grande risorsa tecnica. Gli manca un po’ il ritmo partita ma è pienamente disponibile”.

STAFFETTA CODA-STEPINSKI? “È importante ora recuperare tanti giocatori. Almeno 5 o 6 devono essere riportati in condizione più di altri, non è scontata una staffetta Coda-Stepinski, ma potrei anche optare per un altro modulo, come nella parte finale di Brescia, quando Falco si è messo dietro le due punte. Questo è un altro sistema che potremo utilizzare”.

CREMONESE“È una squadra solida con un allenatore che conosce bene la categoria, esperto, che ha vinto campionati. Ha qualità fisiche e tecniche, come tante altre squadre di Serie B. Quest’anno c’è una B da alto profilo. Noi vogliamo fare qualcosa di importante domani, a Brescia abbiamo mollato qualcosa che non dovevamo mollare, se fossimo stati più incisivi nei momenti determinanti, forse sarebbe uscito un risultato diverso e non saremmo tornati a casa con tre gol. Ciò, però, mi ha permesso di lavorare ancora meglio su alcune situazioni. ogni volta che si prende una sberla, e spero il meno possibile, ciò mi aiuterà ad approfondire alcuni aspetti”.

ANALISI TATTICA DI BRESCIA“Come squadra abbiamo sempre avuto il controllo del gioco, sinora, e abbiamo costruito sempre più occasioni degli avversari. Anche a Brescia, ci è mancata la penultima scelta, quella che avrebbe potuto creare potenziali occasioni. Avevamo pareggiato la partita, la nostra squadra ha nel dna la voglia di proporre calcio e ciò ci espone a qualche contrattacco ma è normale. I primi due gol li abbiamo presi su due rimesse laterali, ossia fasi dove eravamo in controllo, nel terzo abbiamo sbagliato una palla in uscita. Dopo il 2-0 abbiamo perso lucidità e dovremo lavorare anche su questo: una grande squadra deve gestire le emozioni e non deve lasciarsi trasportare da esse. Non andiamo in sofferenza su attacchi avversari ma dobbiamo migliorare sulle sovrastrutture, ossia i falli laterali, le palle in uscita, le fasi intermedie e così via. Non ricordo una conclusione del Brescia, gol a parte. Nei primi 20′ della ripresa, idem, poi è nata un’altra partita”.

DIFETTI DI AGONISMO?“A livello di impatto fisico, loro hanno avuto qualcosa più di noi. In questo senso, Tachtsidis e Mancosu possono essere importanti nell’economia globale di questa squadra. Ci servirà come esperienza, anche per far crescere qualche ragazzo”.

I CONVOCATI PER LECCE-CREMONESE

PORTIERI – Gabriel, Bleve, Vigorito

DIFENSORI – Dermaku, Calderoni, Lucioni, Meccariello, Rossettini, Adjapong, Zuta

CENTROCAMPISTI – Henderson, Listkowski, Majer, Paganini, Bjorkengren, Maselli, Tachtsidis

ATTACCANTI – Pettinari, Stepinski, Coda, Falco, Felici

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati