Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

in foto: F. Baschirotto
copyright: Coribello/SS

LECCE – Baschirotto, salvezza e azzurro: “Una settimana incredibile! Umtiti? A volte non mi sembra vero giocare con lui…”

Momento d’oro per Federico Baschirotto che, in poche ore, è passato dalla salvezza del Lecce alla convocazione in Nazionale azzurra. Le sue parole in conferenza stampa.

“È stata una settimana incredibile, faccio fatica a descrivere le emozioni. Dopo la partita di Monza mi sono lasciato andare a lacrime di gioia per tutti questi sacrifici fatti insieme ai miei compagni per raggiungere la salvezza. Poi c’è stata l’ulteriore emozione dell’inaspettata chiamata di Mancini che mi ha reso orgoglioso del percorso fatto. Ero emozionatissimo. Il nostro momento più difficile? Il calo che abbiamo avuto, non riuscendo più a vincere, dopo la partita di Bergamo. È stato difficile rialzarci ma, piano piano, siamo riusciti a portare a casa l’obiettivo. Come giudico la mia stagione? Una grande stagione e devo dar merito anche ai miei compagni, al mister e allo staff. Sono cresciuto tanto a livello calcistico ma anche umano, la squadra mi ha dato tanto a livello emotivo, vedevo compagni che, esordienti in A come me, non mollavano mai danto tutto e ciò mi ha spinto a dare sempre di più. Non abbiamo mai avuto paura di non potercela fare, i momenti di difficoltà, in Serie A, capitano, ma noi credevamo nel nostro lavoro. La partita più bella? A Bergamo. Il mio intervento più importante? Contro Diaz in Lecce-Milan, quando stava per calciare a porta vuota. La dedica va alle mie persone care, la famiglia, la ragazza, il procuratore ma anche a questa meravigliosa città e ai miei compagni. Il mio futuro? Io sono uno che lavora sul presente, mi focalizzo sul piccolo per raggiungere il grande. Non guardo più in là, ora voglio godermi questa salvezza raggiunta insieme, magari battendo il Bologna e festeggiando al meglio. Umtiti? Nel 2018 io ero in Serie D e guardavo i Mondiali e pensavo: chissà se mai mi capiterà di giocarli. Mi ha reso orgoglioso giocare con lui, a volte nemmeno mi sembra vero giocare insieme a qualcuno che ha vinto un Mondiale. Da lui ho imparato tantissimo, si è messo a disposizione di tutti con umiltà, è un calciatore eccezionale e una persona dal cuore d’oro”.

(foto: Baschirotto in Lecce-Milan, gen. ’23 – ph. Coribello/SalentoSport)