Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

in foto: Venuti ai tempi di Lecce (apr. '19)

LECCE – Baroni con due dubbi, Baschirotto sulla fascia è un’idea. Fiorentina, ritorno al Via del Mare per tre cari ex

Sono sostanzialmente due i dubbi di formazione per mister Marco Baroni, a poche ore da Lecce-Fiorentina. La certezza è che, per la seconda volta stagionale, Alexis Blin partirà da titolare, questa volta da centrale di centrocampo in sostituzione di capitan Hjulmand, squalificato. Ai suoi lati, dovrebbero agire Gonzalez e Askildsen, che, in settimana, ha avuto qualche problema fisico. In lista d’attesa, ci sono Bistrovic (anche il croato non è al meglio), ed Helgason, uscito lentamente dal cerchio dei titolari dopo alcune prestazioni non proprio da ricordare. In avanti, vanno verso la riconferma Banda-Ceesay-Strefezza. Dovrebbero partire in panchina sia Colombo, sia Di Francesco. Tra i convocati, c’è ancora Voelkerling Persson, che potrebbe anche esordire dopo una lunga fase di riabilitazione.

L’altro dubbio riguarda la difesa: Pezzella non si è allenato al meglio e potrebbe anche partire dalla panchina. Il suo sostituto naturale è Gallo ma non è escluso che Baroni opti per l’inserimento di Baschirotto su una delle due fasce, insieme a Gendrey, con il rilancio, al centro della difesa, di Pongracic, escluso a Roma, in coppia con Umtiti.

In casa viola, Italiano dovrebbe optare per questo undici di partenza: Terracciano; Dodò, Milenkovic, Igor, Biraghi; Bonaventura, Mandragora, Barak (ex nel Lecce di Liverani in Serie A); Gonzalez, Jovic, Kouamè. Indisponibili Gollini, Maleh, Ranieri, Amrabat (squalificato) e Sottil. Dalla panchina dovrebbe partite Venuti, esterno difensivo titolare nel Lecce che conquistò la Serie A con Fabio Liverani nel 2018-19 con 32 presenze e tre reti, così come Riccardo Saponara (in A con Liverani).