Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Barak e Saponara esordio da sogno, Falco pesca il jolly: le pagelle della goleada giallorossa al Torino

LE PAGELLE DI LECCE-TORINO

Vigorito voto 6,5: vive larghi tratti della serata da spettatore non pagante. Il Torino si affaccia poco dalle sue parti e quando lo fa non riesce quasi mai ad inquadrare lo specchio della porta. Attento sulla conclusione di Edera a metà ripresa, bravissimo nel finale a sbattere la porta in faccia a Belotti con un’ottima uscita bassa.

Rispoli voto 6,5: Aina agisce nella sua zona, ma questa volta il laterale ex Palermo tira fuori una prestazione tra le migliori della stagione. Costante spinta soprattutto nella prima frazione, grande applicazione e attenzione difensiva. Sia Millico che Aina trovano spesso il divieto d’accesso.

Lucioni voto 7: il toro non punge molto, ma questa volta è giusto esaltare una prestazione del capitano di giornata ai limiti della perfezione. Accorcia spesso con i tempi giusti, consentendo alla linea difensiva di alzare il proprio raggio d’azione. Un paio di ottime chiusure impreziosiscono una delle migliore gare dell’intera stagione.

Rossettini voto 6,5: Belotti è l’unico a provarci, soffrirlo soprattutto in progressione è più che lecito, ma eccezion fatta per qualche spunto interessante, il 13 giallorosso limita il gallo per larghi tratti della contesa, vincendo anche un paio di uno contro uno molto preziosi. Nel gioco aereo sembra avere una marcia in più.

Donati voto 7: a fine gara probabilmente sul binario mancino avranno trovato un solco. Sfrutta le qualità di Barak e Saponara per garantire un’infinità di sortite offensive, con le quali mette in grande difficoltà la difesa granata. Stravince in tutto e per tutto il duello con De Silvestri e continua a dare la convinzione che il suo acquisto sia una manna dal cielo per tutto l’intero sistema giallorosso.

Barak voto 7: esordio stagionale da assoluto padrone della mediana. Agisce spesso da regista aggiunto smistando il gioco con estrema qualità ma ovunque ci sia bisogno il mezzo al campo compare la sua folta chioma bionda. S’inserisce spesso con i tempo giusti, regalandosi il gol all’esordio e offrendo a Lapadula un ottimo assist che poteva valere il tris anticipato. Nella ripresa si dedica maggiormente alla fase d’interdizione facendo valere tutti i suoi centimetri.

Majer voto 6,5: quando in campo c’è il vero Majer, il centrocampo giallorosso soffre indubbiamente meno. Nel primo tempo accorcia sempre con i tempi giusti e da una sua intuizione nasce il raddoppio di Barak; nella ripresa cala fisicamente dando comunque tutto il suo contributo fino al momento della sostituzione.

Dall’82 Paz Sv

Deiola voto 7: Liverani lo schiera nel ruolo di regista e lui risponde presente dimostrando ottime qualità tecnico tattiche. Chirurgico in occasione del gol vantaggio, semplice e molto ordinato in fase di costruzione, non forza mai la giocata risultando sempre molto efficace. Molto attento in fase di schermo davanti alla difesa, soprattutto nel finale di prima frazione quando con un bel ripiegamento anticipa Berenguer, evitando guai peggiori.

Dal 57′ Petriccione voto 6,5; entra in campo quando c’è da abbassare il ritmo e lui sembra subito andare a nozze. Un paio di buoni interventi in fase di interdizione, e tanta qualità in cabina di regia.

Saponara voto 7,5: nel giorno del suo esordio in giallorosso decide subito di rendersi protagonista di una prestazione dominante. L’assist per Deiola è da uomo che vede un calcio superiore, un paio di spunti nel traffico del centrocampo sono da vero e proprio fuoriclasse, per info chiedere a De Silvestri. Quando c’è da affondare disegna calcio, quando c’è da gestire prende in mano la situazione abbassando i ritmi del gioco. Spiana la strada a Falco in occasione del tris.

Dal 72′ Shakhov voto 6,5; 20 minuti in campo, uno spettacolare colpo di tacco per liberare Lapadula e un rigore procurato, non posso per garantirgli un’ampia sufficienza.

Lapadula voto 7: con Falco che svaria su tutto il fronte offensivo il peso dell’attacco è tutto sulle sue spalle e ad onor del vero quando c’è da lottare lui non si tira mai indietro. Tanta lotta in mezzo ai colossi granata e soprattutto grande fame all’interno dell’area di rigore. Sirigu si oppone in ben due circostanze, ma lui con grande caparbietà ci riprova ancora, trovando una meritatissima gioia personale dagli undici metri.

Falco voto 7: svaria su tutto il fronte offensivo mandando in tilt i macchinosi difensori granata. Una prestazione fatta di strappi e spunti interessanti, fino a quando con un destro da urlo pesca il jolly che vale il 3-0.

All. Liverani voto 7: probabilmente da oggi inizia una nuova stagione per il Lecce. La mossa Barak dal primo minuto è più che azzeccata, Saponara sulla trequarti è un autentico spettacolo, Deiola una scommessa vinta. Nel corso della stagione ha più volte denotando l’assenza di alcune pedine e non appena ha a disposizione elementi di qualità, il suo Lecce tira fuori la migliore prestazione stagionale, a conferma che, con i giusti tasselli, il tecnico romano farà ancora divertire il popolo giallorosso.


TORINO
: Sirigu 6.5; Djidji 4 (58′ Edera 5), Nkoulou 4,5, Bremer 5; De Silvestri 4,5, Rincon 4,5 (70′ Lyanco 5.5), Meite 5, Ola Aina 4,5; Verdi sv (23′ Millico 5), Berenguer 5; Belotti 5.5.  All. Mazzarri 4.