Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

LECCE – Va via l’anno perfetto: cento di questi 2018!

Si apre con un pareggio per 1-1, si chiude con un pareggio per 1-1. Ma, con una sostanziale differenza: quella di categoria. Il 2018 del Lecce è stato, a dir poco, perfetto. Dal pari interno col Catania, 21 gennaio, al pari di ieri sera contro lo Spezia, i giallorossi hanno infilato (coppe escluse) ben 59 punti totali in 34 partite, conquistando 16 vittorie (il 47%), undici pareggi (32%), venendo sconfitti, tra Serie C e Serie B, “solo” sette volte (21% circa), ossia contro Juve Stabia (0-1 in casa, 25 febbraio), Casertana (1-0 fuori, 25 marzo), Monopoli (4-1 fuori, il 5 maggio), Ascoli (1-0 fuori, il 15 settembre), Palermo (1-2 in casa, il 21 ottobre), Pescara (4-2 fuori, il 5 novembre) e Brescia (2-1 fuori, il 16 dicembre). Il momento clou: quel gol di Armellino in Lecce-Paganese del 29 aprile che ha dato la matematica certezza della promozione in Serie B. 

Alzi la mano chi, sinceramente, non avrebbe messo la firma su un percorso del genere il 31 dicembre del 2017, con il calice di spumante in mano per festeggiare l’arrivo del nuovo anno. Eppure, nonostante la promozione in B e il cammino assolutamente al di sopra di qualsiasi altra aspettativa, si alza, comunque, qualche voce critica.

Liverani non sa gestire gli uomini e i cambi“, “il Lecce avrebbe dovuto avere almeno sei punti in più“, “la società non vuole salire in Serie A“, e via dicendo. Forse è una caratteristica di una parte della tifoseria leccese quella di non accontentarsi mai, di spaccare sempre il capello in quattro di trovare sempre qualcosa che non va. Eppure basterebbe ricordare che in campo ci sono anche gli avversari, che ogni squadra avrebbe un proprio obiettivo da raggiungere, che il Lecce, sino a qualche mese fa, giocava sui campacci del calibro di Fondi o Pagani e, soprattutto, ricordare quanto sono stati difficili e lunghi gli anni trascorsi in Lega Pro/Prima Divisione/Serie C.

Il Lecce, ormai, “vede” l’obiettivo primario a portata di muso. Quella salvezza che, con altre tre vittorie e un pari, sarebbe matematica. Una volta tagliato il primo traguardo, tutto ciò che arriverebbe sarebbe, di sicuro, oro colato. C’è da sistemare qualcosa nella rosa. Ma, siamo sicuri, sia il ds Meluso, sia Liverani, sanno già cosa e come fare. E allora, prosit Lecce. Cento di questi 2018!.