Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

EUROPEI – Euro 2020 e il percorso dell’Italia: i pronostici di Antonio Cabrini

Chi ha affrontato certe sfide indossando la maglia azzurra, sa perfettamente il peso e la responsabilità che vestirla può comportare per qualsiasi giocatore. L’onore, ma d’altro canto anche l’onere di rappresentare, può fare brutte sorprese, ma quando c’è entusiasmo e tanta voglia di dimostrare il senso di appartenenza a questi colori, allora anche i traguardi che sembrano più impossibili, d’improvviso, possono avvicinarsi.

Sul blog sportivo L’insider, è stata pubblicata un’interessante intervista che vede come protagonisti due vecchie conoscenze della Nazionale. Si tratta di Fulvio Collovati e Antonio Cabrini, che hanno preso parte alla mitica spedizione degli azzurri nel 1982 in Spagna, che li ha visti trionfare in finale contro la Germania e riportare in Italia dopo tanti anni il titolo di campioni del mondo.

Italia, cosa aspettarsi? – È un po’ la domanda che si stanno facendo tutti i tifosi in questo momento: cosa attendersi da una compagine azzurra che, solamente cinque anni fa, non era nemmeno in grado di qualificarsi ai Mondiali? Ebbene, c’è da dire che, dall’insediamento di Roberto Mancini come nuovo ct azzurro, è stato fatto un grandissimo lavoro e il percorso di qualificazione ad Euro 2020 lo dimostra alla perfezione. In realtà, però, l’Italia non si può affatto considerare come una favorita, sia per via della rosa a disposizione che per la presenza di Nazionali che sono, quantomeno sulla carta, più forti. Anche gli appassionati di scommesse Euro 2020, sono consapevoli che in cima ai pronostici non possa che esserci la Francia. La Nazionale transalpina, infatti, può contare su una batteria di campioni che lascia a bocca aperta. Il commissario tecnico Didier Deschamps, infatti, può scegliere tra una lista di campioni veramente sbalorditiva: Pogba, Griezmann, Benzema, Theo Hernandez e Mbappé sono sono alcune delle stelle che potrà schierare la compagine d’oltralpe.

Detto questo, per Antonio Cabrini, la Nazionale azzurra, nella griglia dei pronostici è da piazzare subito dopo la Francia, in un gruppetto di squadre, quelle storiche del calcio europeo, che si daranno battaglia per arrivare in semifinale. Stiamo facendo riferimento a Germania, Spagna e Inghilterra. Collovati, dal canto suo, ci tiene a ribadire come, a Euro 2020, anche il Belgio abbia assolutamente tutte le carte in regola per fare un grandissimo campionato europeo.

Chi potrà fare la differenza? – Per Antonio Cabrini a questa Italia manca qualcosa, in modo particolare nel reparto offensivo. In effetti, in attacco manca un po’ di fisicità, a dispetto ad esempio di quello su cui può contare il Belgio, che schiererà il centravanti dell’Inter Lukaku al centro dell’attacco. Se Immobile e Belotti sono, senza ombra di dubbio, degli ottimi attaccanti, in Nazionale non sono mai stati in grado di replicare le gesta e le reti che hanno saputo fare con la propria squadra di club. In difesa, reparto caro per ovvi motivi sia a Cabrini che a Collovati, sarà indubbiamente fondamentale la tenuta fisica. Infatti, sia Bonucci che Chiellini sono due capisaldi della retroguardia della Nazionale guidata in panchina da Mancini, ma entrambi, nel corso degli ultimi anni, ha mostrato più di qualche acciacco che ne ha limitato rendimento e presenze. In competizioni come l’Europeo, però, è fondamentale, come ha ammesso anche l’ex terzino della Juve, essere sempre al 100%, altrimenti c’è il rischio di pagarne le conseguenze. A centrocampo, invece, il ritmo non sarà un problema: anche se in tanti sostengono che ci siano notevoli differenze da questo punto di vista rispetto, ad esempio, ai giocatori della Premier League, in realtà Mancini potrà contare su giocatori molto rapidi e tecnici, che sanno tenere ritmi sempre piuttosto alti.