Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

UGENTO – Oliva: “Lavoriamo per centrare la matematica salvezza. Bisceglie squadra in grande forma”

Il secondo successo consecutivo  ottenuto domenica nella trasferta di San Marco, ha proiettato l’Ugento a sole tre lunghezze dalla terza piazza, (occupata in questo momento dalla Vigor Trani) consentendo soprattutto alla formazione di Mimmo Oliva di sferrare l’allungo probabilmente decisivo sulla zona playout, con l’obbiettivo salvezza che appare ormai ad un passo. “Domenica abbiamo centrato un successo importantissimo – racconta mister Oliva -, contro una squadra che guardando l’organico e quanto espresso in campo non merita certamente l’attuale posizione in classifica. Dopo  un primo tempo di sofferenza, nella ripresa siamo cresciuti, esprimendo al meglio il nostro calcio, che nonostante un po’ di sofferenza ci ha consentito di conquistare i tre punti. Personalmente  – prosegue il tecnico giallorosso -, prima di affrontare qualsiasi tipo di discorso, preferisco centrare la matematica salvezza. È vero che la classifica dice quarto posto, ma è anche vero che tra noi e la quintultima ci sono solo otto punti di differenza ed un paio di risultati negativi, potrebbero portarci nuovamente vicini alla zona playout, quindi ora la nostra testa deve essere solo e soltanto verso quello che è l’obbiettivo dichiarato ad inizio stagione. Una volta tagliato il traguardo della salvezza allora – rimarca l’ex Casarano -, potremmo tentare di  fare la corsa sulle squadre che ci precedono, provando a centrare una posizione, che al di là della disputa o meno dei playoff, per questa società rappresenterebbe qualcosa di storico“.

Il prossimo turno di campionato, vederà Regner e compagni ospitare l‘Unione Calcio Bisceglie, formazione tra le più in forma dell’intero campionato: “Se guardiamo gli ultimi quattro risultati, il Bisceglie ha collezionato ben dieci punti, mantenendo lo stesso ruolino di marcia della capolista Molfetta. Noi dal canto nostro avremo tanto rispetto dell’ avversario, senza però mutare quella che è la nostra mentalità, per questo – conclude -, scenderemo in campo andando sempre alla ricerca del bottino pieno”.