Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

VIRTUS MATINO-FASANO – Un derby emozionante e combattuto si chiude senza vincitori

Pareggio che lascia un po’ d‘amaro in bocca a entrambe le squadre. Virtus Matino e Fasano portano a casa un punto, al termine di una gara combattuta, giocata su ritmi alti e incerta sino all’ultimo.

Branà sostituisce Salto, squalificato, con Cavalieri, e lancia dal 1′ D’Ippolito. Mosca conferma 10/11 della squadra che ha battuto la Mariglianese, con l’unica novità Losavio al posto di Corvino. Parte forte il Matino che colleziona due palle gol con Grandis (che sbaglia l’ultimo passaggio per Ruibal, pronto a presentarsi davanti a Suma da solo) e Ancora, che impegna, con un destro secco, il portiere ospite. Per il Fasano si fanno vedere Calabria, tiro alto, e Camara, anticipato da un reattivo D’Ippolito. Grande occasione Virtus al 21′: azione di Ruibal a sinistra, cross spizzato da Del Col che giunge dalle parti di Ancora. Il centravanti scuola Lecce ci va in tuffo di testa, da buona posizione, ma alza troppo la mira. È la palla gol più nitida del primo tempo, che si chiude con un piazzato di Giambuzzi, non raccolto da nessuno dei suoi, e con un cross di Battista, per gli ospiti, sul quale Camara fallisce la deviazione vincente.

Gara combattuta anche nella ripresa, favorita dal cessare della pioggia, battente per buona parte del primo tempo. Ruibal strozza troppo il mancino e manca lo specchio. Richella disegna un bel cross al centro, mancato da Gomes e Bernardini. Al 22′ si sblocca la parità: tiro-cross di Ancora, parabola diabolica che s’infila alle spalle di Suma, sotto l’incrocio. Un minuto dopo, Ruibal sfiora il bis, con un tiro che tocca l’esterno della rete. La gioia del Matino, però, dura poco: al 25′, ingenuo fallo di Ancora, nella propria area, su Calabria. Rigore, dal dischetto ci va Richella che, però, si vede respingere il destro incrociato da un ottimo D’Ippolito. Non passa nemmeno un minuto, però, e il Fasano centra il pareggio: su cross lungo dalla tre quarti, Michelli stoppa incautamente col petto, nel tentativo di servire il proprio portiere. D’Ippolito, sorpreso, non blocca il pallone, lasciandolo a Gomes Forbes per il più facile dei gol. Le squadre provano a superarsi sino alla fine: al 33′, Bernardini sfiora l’incrocio della porta del Matino. Al 35′, D’Ippolito è decisivo nell’uscita su Camara, poi su Assoumani. Il Fasano fallisce il gol vittoria con Gomes Forbes e, in pieno recupero, va in superiorità numerica, per via dell’espulsione di Calò, che stende Calemme involatosi verso la porta. Ma non c’è più tempo: l’ultima nota di cronaca è un sinistro di Marin, alto di poco.

Il Matino ricomincia a fare punti dopo lo stop di Nola e si porta a quota sei, in attesa dell’esito del Giudice sportivo su Matino-Molfetta. Il Fasano allunga a quattro la striscia di risultati positivi, toccando quota otto. Domenica prossima, l’attesissimo derby Casarano-Matino al “Capozza”, mentre il Fasano ospiterà i lucani del Francavilla.

IL TABELLINO

Parabita, Heffort Sport Village
domenica 10 ottobre 2021, ore 15
Serie D/H 2021/22 – giornata 5

VIRTUS MATINO-FASANO 1-1
RETI: 22′ st Ancora (M), 26′ st Gomes Forbes (F)

VIRTUS MATINO: D’Ippolito, Giambuzzi, Graziano, Marin, Michelli, Cavalieri, Tarantino (18’ st Calò), Grandis (17’ st Torres), Ancora (40’ st Inguscio), Ruibal, Pozzessere (17’ st Fina). A disp. Convertini, Gallo, Monopoli, Mudiandambu, Alemanni. All. Branà.

FASANO: Suma, Taddeo (47’ st Bianco), Del Col, Bernardini, Camara, Capomaggio, Battista (9’ st Richella), Lucchese (28’ st Calemme), Calabria (28’ st Assoumani), Losavio (1’ st Prado), Gomes Forbes. A disp. Ceka, Mucedero, Trovè, Corvino. All. Mosca.

ARBITRO: Gandino di Alessandria.

NOTE: Gara giocata a porte chiuse. Ammoniti Michelli (M), Camara, Bianco (F); espulso Calò (M) al 48’ st per aver interrotto una chiara occasione da gol. Rec. 2’ pt, 5+2’ st. Al 26’ st D’Ippolito (M) respinge un rigore di Richella (F).

QUI RISULTATI E CLASSIFICA

(foto: Francesco Ancora, ancora a segno per la Virtus – archivio ph. Coribello/SalentoSport)