Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

NARDÒ – Venneri sul ripescaggio: “Tra fondo perduto e impianto sportivo, molte società rinunceranno”

Le nuove regole riguardanti la Lega Pro (QUI) deliberate ieri dal Consiglio Federale, interessano molto da vicino alcuni club di Serie D, fra questi il Nardò. Il segretario generale Fernando Venneri ha inquadrato il discorso riguardante un eventuale ripescaggio nel professionismo: “Innanzitutto attendiamo l’ufficialità con il comunicato stampa da parte della Lega Pro. Bisogna premettere che, anche per questa fase di ripescaggi, vigerà l’alternanza fra società vincitrici dei playoff di Serie D e quelle retrocesse dalla Lega Pro. Se non ho letto male ci sono già alcune società che potrebbero ambire al salto di categoria che non presenteranno domanda di ripescaggio. Il tutto a causa del l’aspetto strettamente finanziario. Il fondo perduto, infatti, vuol dire che una società non potrà fare affidamento su una consistente somma di denaro per poter affrontare la stagione. Non dimentichiamo inoltre la fideiussione che i sodalizi devono allegare alla domanda di iscrizione al campionato”.

“Si tratta di cifre importanti – ha rimarcato Venneri – su cui non poter fare affidamento per il prossimo campionato. Inoltre, non bisogna dimenticare il discorso relativo all’impianto sportivo. Le prime tre società che dalla Serie D verranno ripescate nei professionisti potranno chiedere, eventualmente, una deroga, se il proprio stadio non è conforme alle direttive della Lega. Le altre società della serie D, invece, se dovessero presentare tutti i requisiti economici, non potrebbero usufruire di alcuna deroga al proprio impianto sportivo”.