NARDO’ – Martano: “Noi facciamo i sacrifici, il Comune vanifica tutto”

Abbiamo raccolto lo sfogo del direttore generale dell'ASD Nardò Calcio Tony Martano, che si scaglia apertamente contro il menefreghismo del Comune riguardo la questione stadio.

“Abbiamo affrontato 2 partite in casa come se, economicamente parlando, fossero trasferte; abbiamo evitato facendo sacrifici economici immani di fare sedute di allenamento; spendiamo 500 € a partita di vigilanza perchè il Comune ci obbliga ad avere nella struttura non meno di n°14 stuart; paghiamo una sovratassa perchè l'agenzia di vigilanza di cui ci serviamo ha i diplomi antincendio; il tutto ci costa quasi € 10.000 a stagione; stipuliamo un assicurazione di circa € 1.000 con una franchigia di € 2.000.000 per le nostre partite ufficiali; riempiamo la caldaia per l'acqua calda di tasca nostra con circa € 2.000 a stagione; abbiamo provveduto a farci carico di alcune spese per rendere l'impianto un lusso per la categoria…seggiolini, sala stampa, lampade per i riflettori (€ 900 l'una), panchine, tra cui quella del quarto uomo, pulizie varie ecc ecc…; abbiamo stilato col manutentore degli interventi straordinari che hanno funzionato alla grande, programmandoli non tenendo presente i nostri impegni ufficiali; ne è stato fatto uno in settimana di risemina e sabbiatura per oltre € 3.000.

Abbiamo programmato con la federazione e ci siamo impegnati a far giocare 2 partite ufficiali di qualificazione del mini torneo under 17 riservato alle nazionali, per far fare bella figura alla nostra Società e per dar lustro alla nostra città, tra l'altro sobbarcandoci tutte le spese; il manuntentore aveva avvertito il Comune con raccomandata a/c che il terreno non può reggere altre partite oltre quelle ufficiali già stabilite! Detto questo, il Comune o chissà quale Dirigente per lui che fa? Nella settimana in cui sono stati fatti dei lavori fondamentali per la fine della stagione e per la partita della nazionale, nella settimana precedente alla partita fondamentale col Casarano, nella settimana in cui è prevista pioggia, in cui presumibilmente si getterà alle ortiche tutto il lavoro di programmazione di un intera stagione… Dà l'autorizzazione alla Neretina ( e premetto che non c'è l'ho con Giampiero Presicce ) di giocare questa Domenica al Giovanni Paolo II.

Complimenti per la furbizia e per il menefreghismo, tanto chi rimborserà tutti i lavori eseguiti in settimana che non sono serviti a niente a questo punto? Valgono le stesse regole che applichiamo alla lettera noi? Chi ha firmato, oggi Venerdì 18, l'autorizzazione e si è preso la responsabilità visto che il Commissario Straordinario il Giovedì sera rientra a casa? Servono a qualche cosa i nostri sacrifici?”

Lorenzo FALANGONE
Nato 27 anni fa a Nardò. Dottore in Comunicazione e Giornalista pubblicista. Caporedattore di SalentoSport e reporter per PiazzaSalento. Premio "M. Campione" 2015 come miglior articolo sportivo di Puglia. Autore del libro "Per dirti ciao".

Articoli Correlati