Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

in foto: Thiam e Munoz esultano dopo il gol
copyright: Coribello/SalentoSport

CD GALLIPOLI – Col Gelbison una vittoria di platino firmata Munoz

Tre punti fondamentali quelli conquistati dal Gallipoli in questo caldo pomeriggio di marzo: allo stadio “Antonio Bianco” sono i padroni di casa ad imporsi sulla Gelbison grazie ad una prodezza di Munoz, che riesce a sbloccare una gara in cui sono stati i dettagli a fare la differenza.

Per quanto riguarda le scelte tecnico-tattiche, mister Cavallaro decide di riproporre il suo ormai consolidato 3-5-2: tra i pali schierato Dima, con il terzetto difensivo composto dai titolarissimi Monteleone, Fruci e Benvenga. Corsie esterne occupate dagli under Bianco a sinistra e Thiam a destra; a completare il centrocampo sono invece Donnarumma, capitan Scialpi e Miggiano. Tandem offensivo formato infine dalla coppia Munoz-Kapnidis.

Nella prima frazione le emozioni sono ridotte all’osso e l’equilibrio domina: da segnalare al minuto 2 una punizione di Kosovan di poco alta sopra la traversa. Tra  le fila dei salentini ci prova Kapnidis al 6’ con un colpo di testa, con la conclusione del greco di poco alta sopra la traversa. Al minuto 25 un ispirato Munoz infiamma il match con un’azione in solitaria: il numero 7 riesce palla al piede a superare in corsa il portiere Milan, che però recupera lo spagnolo e devia il pallone in corner. Altra chance per Monteleone dopo due minuti: il centrale giallorosso approfitta di una sponda di Thiam in area avversaria per tentare il tiro da posizione ravvicinata, che però è debole e centrale e Milan ingloba la sfera. Al 37’, invece, è il turno di Miggiano con un destro da fuori area, ma il classe 2005 non riesce a centrare lo specchio della porta.

La ripresa si apre con un’occasione per Gagliardi, che riesce ad addomesticare il pallone con il petto e a coordinarsi bene per calciare, ma la conclusione è alta. Al 64’ mister Cavallaro prova a dare una scossa ai suoi con un doppio cambio, inserendo Pissas e Mariano per Scialpi e Kapnidis. Al minuto 70, poi, la giocata del campione: lancio in profondità per servire il solito Munoz, che ruba il tempo a Sall in area e, di esterno, insacca sotto l’incrocio e porta in vantaggio i suoi, facendo esplodere il Bianco in un tripudio giallorosso. E dopo il gol dello spagnolo è il Gallipoli a sfiorare il raddoppio con un tiro a giro molto insidioso di Pissas, ma una grande prodezza di Milan nega alla mezz’ala la prima gioia in maglia jonica. Il tempo scorre, la Gelbison prova a rendersi pericolosa, ma i padroni di casa riescono a tenere botta e a conservare il risultato. In questa fase di gara, Cavallaro opta per una sostituzione conservativa, con Munoz che, tra gli applausi e gli elogi dei tifosi, lascia il posto all’esperienza di Zappacosta. La posta in palio è tanta, la tensione sale e gli animi si scaldano: al 91’ viene infatti espulso il tecnico siciliano per qualche parola di troppo. Dopo cinque minuti di recupero, il direttore di gara fischia tre volte, dando il via alla festa giallorossa e mettendo la parole fine alle speranze dei campani.

Termina in questo modo, dunque, l’incontro disputato allo stadio “Antonio Bianco” di Gallipoli: vittoria di platino quella sradicata dai salentini che, grazie a questi tre punti, si piazzano in solitaria al 13esimo posto in classifica, con l’obiettivo salvezza che dista in questo momento solo tre lunghezze. Domenica prossima, trasferta sulla carta proibitiva sul campo della Fidelis Andria.

(US CD Gallipoli)

IL TABELLINO

Gallipoli, stadio “A. Bianco”
domenica 17.03.2024, ore 15
Serie D/H 2023/24, giornata 27

GALLIPOLI-GELBISON 1-0
RETI: 25′ st Munoz

GALLIPOLI (3-5-2): Dima; Monteleone, Fruci, Benvenga; Bianco, Scialpi (19′ st Pissas), Donnarumma, Miggiano (32′ st Colazzo), Thiam; Munoz (40′ st Zappacosta), Kapnidis (19′ st Mariano). All. Cavallaro.

GELBISON (3-5-2): Milan; Casiello (31′ st Dellino), De Pace (14′ st Sall), Fontana; Muratori (31′ st Ferrante), Manzo (40′ st Tazza), Kosovan, Ferrante D. (40′ st Rodrigues), De Pasquale; Gagliardi, Barone. All. Erra.

ARBITRO: Antonini di Rimini.

NOTE: Espulso Cavallaro (all. G) al 46′ st per proteste.

RISULTATI E CLASSIFICA