Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

in foto: A. Foglia Manzillo
copyright: SalentoSport

CASARANO – Foglia Manzillo: “Troppi pareggi, è mancato qualcosa”. Montervino: “Mi assumo le responsabilità”

Parole di lode per i suoi da Antonio Foglia Manzillo, al termine della gara con la Cavese.

Sapevo che sarebbe stata una grande gara – dichiara il tecnico rossoazzurro nel post partita – e così è stato. Il più grande rammarico è aver preso il gol in un momento in cui stavamo controllando la partita. Di questo sono dispiaciuto, come anche del mancato raddoppio. Detto questo, la Cavese e il Nardò stanno facendo un grande campionato. Citro e Strambelli parlano la stessa lingua e insieme possono fare veramente bene, a loro supporto c’erano due esterni di corsa che si sono espressi ad altissimi livelli, come Bocchetti e Gaeta. Sono stati encomiabili. Se c’era un rigore per noi, non saprei. La mia sensazione è che ci fosse, ma ero lontanissimo. Abbiamo avuto la possibilità di fare il gol del ko, però poi abbiamo rischiato la beffa, con un miracolo di Carotenuto. Dovevamo fare la seconda rete, perché contro queste squadre non ti puoi permettere di rimanere sull’1-0, bravi loro a trovare il pareggio. Sapevano che tiravano molto da fuori. Sono contento della prestazione, un po’ meno del risultato perché ci avrebbe avvicinato al nostro obittivo. Domenica, oltre a Cipolletta, avremo un altro paio di squalificati. Per preparare questa partita abbiamo fatto una full immersion di studio sulla Cavese e abbiamo visto che negli ultimi tempi non era quella dell’andata. Stanno sciorinando un calcio spettacolare con tantissimi gol, sapevao che sarebbe stata difficile. Bene loro, ma bravissimi noi. Le motivazioni contro Nardò e Cavese erano al massimo, perché sono gare in cui vuoi far bene. Crediamo e pensiamo che saremmo potuti esseri anche noi da quelle parti. Ora ci saranno tre partite con un coefficiente di difficoltà molto importante, mi auguro che questi ragazzi facciano la stessa gara di oggi e dei primi 40’ di Nardò. Il Casarano visto oggi è una squadra da primato, ma se sei in quella posizione vuol dire che qualcosa si è sbagliato. Troppi pareggi, per cui è mancato qualcosa. Cosa sia mancato lo deciderà il direttore a fine campionato. Adesso dobbiamo fare i punti necessari perché non esiste che il Casarano, a tre giornate dalla fine, non sia sicuro di un posto nei play off”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il direttore sportivo Francesco Montervino.

È stata una gara – aggiunge il DS del Casarano – tra due squadre importanti. Il mister è stato bravo a schierare la squadra togliendo punti di riferimento agli avversari. I ragazzi, dal canto loro, hanno onorato la casacca che indossano. Questa è una squadra di persone serie e per bene che non ha mai regalato nulla a nessuno. Oggi non ho visto differenze in campo. Vanno fatti i complimenti alla Cavese, che dalla settima giornata è in testa e sta dimostrando, con la costanza, di essere una squadra importante. Non era facile giocare, perché siamo arrivati da una Pasqua difficile dal punto di vista mentale, non è stato bello, è arrivata però una risposta importante che ci deve inorgoglire tutti. Sono molto contento di quello che il Casarano ha fatto sul campo.

Se non è andato tutto come doveva andare e se qualcosa non ha funzionato, le responsabilità sono mie. Mi assumo le responsabilità di ciò che è successo e succederà. Dobbiamo fare calcio. Ho le idee chiare, queste ultime partite mi servono per capire dove correggere. La partita di oggi fa male, perché ci dice che siamo una squadra da primato. Questa squadra non ha problemi di poter vincere ovunque, così come non ha la certezza che poi non possa perdere o pareggiare. Ciò che chiedo è che ci sia positività nei confronti di questa squadra. Abbiamo dei valori importanti, così come si è visto oggi. Dobbiamo lavorare sulle qualità, se le mettiamo in campo, possiamo mettere in difficoltà chiunque. Serve, però, ottimismo e mi auguro che l’ottimismo ci possa accompagnare in questo finale di stagione, a differenza di quanto avvenuto nel corso del torneo. Voglio che ci sia ottimismo, perché serve per vincere i play off, dobbiamo qualificarci e vincerli”.