Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

CASARANO – Feola, vittoria con dediche speciali: “Ma una disattenzione poteva rimettere in gioco il Cerignola”

Vittoria, sì, con qualche brivido di troppo per il Casarano contro il Cerignola. Poco male, comunque, per i rossazzurri, che balzano al comando della classifica del girone H. Il commento dei tecnici Vincenzo Feola (nella foto ©SalentoSport/M. Coribello), e Michele Pazienza nel post-gara.

DEDICHE SPECIALI – “Vogliamo dedicare la vittoria – dice mister Feola nell’intervista post gara – al presidente Maci per la scomparsa della cara mamma. Inoltre, vogliamo dedicarla al nostro tifoso storico Riccardo, scomparso prematuramente. Detto questo, credo di poter dire che quello con il Cerignola è stato il miglior primo tempo di tutta la mia gestione. I ragazzi hanno dato una grande dimostrazione. Significa che quando vogliono, lo sanno fare. Oggi (ieri, ndr) lo hanno dimostrato con i fatti, hanno dimostrato che quando vogliono possono tirar fuori le loro grandi qualità. Nonostante ciò, non possiamo regalare 5 minuti del primo tempo agli avversari e pensare che sia finita prima del fischio finale. Che questo ci serva da lezione. Il Cerignola è una squadra importante, con tanta qualità, e quando sul 4-1 ci siamo rilassati, pensando che fosse finita, è bastata una disattenzione per riaprire i giochi. Ecco, questa è una cosa che va migliorata, ma oggi bisogna dire grazie ai ragazzi. Il Cerignola è un’ottima squadra perché corre, è ben attrezzata, ha pareggiato a Lavello, a Picerno e ha battuto il Bitonto in dieci”.

“SCONFITTA CHE AIUTA A CRESCERE” – A tessere le lodi per i propri ragazzi è anche, sul fronte opposto, mister Michele Pazienza, tecnico del Cerignola. “L’obiettivo – dice il tecnico – era di rimanere in partita fino alla fine, ci siamo riusciti. Ho del rammarico solo per i primi dieci minuti del secondo tempo, quando in dieci minuti abbiamo mandato all’aria una gara, che poteva concludersi con un punteggio diverso. Sapevamo di affrontare una squadra attrezzata per la vittoria del campionato, ma noi non dobbiamo guardare a questo. Ho sempre detto ai ragazzi e alla società che i risultati ottenuti nelle prime partite non rispecchiavano i nostri valori. Poi, i risultati sono arrivati, i ragazzi hanno aumentato la loro autostima, però penso che la mia squadra abbia ampi margini di miglioramento. Abbiamo ragazzi molto giovani che ancora devono capire sin dove possono arrivare. Parlare oggi di salvezza, di playoff o vittoria di campionato sarebbe mettere un penso eccessivo sulle spalle dei ragazzi, che hanno tanta voglia di crescere e migliorare e me lo dimostrano giorno per giorno. Questa sconfitta ci aiuterà a crescere, perché è vero che affrontavamo una squadra con dei valori superiori, ma abbiamo lottato sino alla fine. Ci è mancato un pizzico di esperienza, ma ci sta”.