LECCE – La vecchia guardia prova a tenere acceso il lumicino, ma oggi non basta: le pagelle della sconfitta di Bologna

Pippo Falco e capitan Mancosu provano a tenere in vita le speranze, ma la difesa commette errori da matita blu che forse questa volta risulteranno irrimediabili

falco-filippo-lecce

Foto: F .Falco (@M.Caputo)

LE PAGELLE DI BOLOGNA-LECCE

Gabriel voto 6,5: nella prima frazione compie almeno tre ottimi interventi che tengono in vita i giallorossi. Nella ripresa diventa praticamente spettatore non pagante, riapparendo nel finale con una buona risposta su Santander che però non è bastata.

Donati voto 6: non impatta bene alla gara, come del resto tutti i suoi compagni. Il raddoppio di Soriano nasce da un pallone perso nella trequarti avversaria. Cresce in maniera esponenziale con il passare dei minuti, meritandosi la sufficienza.

Dal 59’ Rispoli voto 6,5: entra nel momento decisivo, asfaltando il binario destro e risultando spesso una spina nel fianco per Krejci. Assieme a Falco prova a comandare la riscossa.

Lucioni voto 5,5: i primi cinque minuti sono da film horror. Prima si fa beffare da Palacio che con grande astuzia gli prende il tempo in occasione del vantaggio felsineo, poi assieme a Tachtsidis esce in maniera troppo irruenta e poco efficace nell’azione che porta al raddoppio. Per tutto il primo tempo, Palacio e Barrow evidenziano tutti i suoi limiti, come avvenuto in occasione del palo colpito dell’ex Atalanta. Da un sua girata in porta nasce il gol di Mancosu, risultando poi più che positivo nella ripresa.

Paz voto 5,5: Anche lui, come tutto il pacchetto arretrato, entra in campo con cinque minuti di ritardo. La velocità degli avanti avversari lo manda spesso in tilt e l’argentino prova a rimediare con la forza fisica, ma spesso appare a disagio. Cresce nella seconda frazione.

Dal 78’ Meccariello voto 6: impatto positivo, che però serve a poco.

Dell’Orco voto 5: l’azione che porta al vantaggio di Palacio nasce da un suo posizionamento ampiamente errato. Soffre Skov Olsen, senza mai riuscire ad incidere in fase offensiva.

Tachtsidis voto 5: Dov’era in occasione del gol di Soriano??? Per il resto, va in grande difficoltà soprattutto in fase di interdizione, molle e spesso in balia delle onde quando c’è da schermare. Esce alla distanza con alcune buone iniziative.

Dal 59’ Petriccione voto 6,5: entra in campo e la squadra sembra avere una marcia in più. Smista palloni con la solita velocità, mettendo a nudo tutte le difficoltà difensive dei padroni di casa. Dà il via con una bella giocata all’azione che porta al gol di Falco. Forse sarebbe stato il caso di vederlo in campo dall’inizio.

Mancosu voto 6,5: condizione fisica precaria che purtroppo condiziona ancora una volta la prestazione. Va a corrente alternata, senza riuscire a trovare il guizzo giusto, ma in compenso ci mette tanto cuore. Il gol sulla sirena illude i giallorossi, rimpinguando un bottino personale già importante. Regala a Lapadula un cioccolatino, che l’ex Milan spreca malamente.

Barak voto 6: ancora una volta una gara tra luci e ombre. Il primo tempo sembra girare a vuoto, almeno nella prima mezz’ora. Esce alla distanza, dando tutto se stesso nel forcing finale, provando ad essere spesso al centro della manovra.

Saponara voto 5,5: non è il solito Saponara, ma, quantomeno, nell’avvio da incubo, è l’unico a non avere l’elettrocardiogramma piatto. Prova ad inventare con un paio di buoni spunti, ma purtroppo manca la brillantezza.

Dal 60’ Majer voto 6: equilibrio e corsa in una fase decisiva, ma forse nel finale poteva gestire meglio una buona ripartenza, che, a posteriori, ha pesato tantissimo. 

Falco voto 7,5: contro il suo ex Bologna e nella gara decisiva, ritorna ad essere il solito furetto. Sfiora un super gol nella prima frazione, con una giocata fantastica, ma nella ripresa diventa assoluto dominatore della gara. Skorupski e la traversa gli negano il gol del pari, ma lui non si arrende, trovando il guizzo giusto qualche minuto più tardi. Continua ad essere imprendibile sfiorando anche il bis che poteva valere un pezzo di stagione, ma Kreijci dice di no.

Lapadula voto 5: corsa, impegno, voglia di incidere, che però oggi non bastano. Con una soluzione in panchina probabilmente non avrebbe terminato la gara, perché in fondo ci arriva stremato. Spreca clamorosamente la chance del sorpasso.

All. Liverani voto 6: nel momento decisivo della stagione si trova con una rosa ridotta all’osso, nel momento decisivo della gara non ha soluzioni offensive per vincere. Resta il rammarico per quello che sarà, ma purtroppo anche oggi si pagano alcuni errori molto gravi.


Bologna
: Skorupski 6; Mbaye 6, Danilo 6, Denswil 5.5, Dijks 5.5 (dal 57′ Krejci 5.5); Svanberg 6.5 (dal 56′ Poli 5.5), Medel 6.5; Soriano 7; Skov Olsen 6 (dal 57′ Orsolini 6), Palacio 7 (dal 69′ Sansone 6), Barrow 7,5. All. 
Mihajlovic voto 6,5

Davide BOELLIS
Diplomato presso il Liceo Socio Psico Pedagocico. Praticante giornalista pubblicista. Nel 2012 partecipa alla quarta edizione di "Giornalista per un giorno - Sergio Vantaggiato". Nell'aprile 2012 inizia a collaborare con la testata colpoditaccoweb.it. Dal settembre 2012 passa nella squadra di SalentoSport.

Articoli Correlati