Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

SERIE A – Giudice sportivo, super-multa alla Lazio. Il Parma perde un uomo

Stangata sulla Lazio per i cori a stampo discriminatoriorazziale intonati dai propri tifosi durante la gara di Brescia e indirizzati a Mario Balotelli. Ecco tutte le decisioni del Giudice sportivo riguardanti la diciottesima giornata di Serie A.

CALCIATORIDue giornate a Domenico Berardi (Sassuolo) per aver affrontato in maniera veemente un assistente indirizzando espressioni gravemente irriguardose agli ufficiali di gara; una giornata a testa per Andrea Cistana e Sandro Tonali (Brescia), Nenad Tomovic (Spal), Milan Skriniar e Nicolò Barella (Inter), Antonino Barillà (Parma), Omar Colley e Fabio De Paoli (Sampdoria), Manuel Locatelli (Sassuolo), Marco Parolo (Lazio).

AMMENDE20mila euro alla Lazio per avere, propri sostenitori, intonato un coro di discriminazione razziale nei confronti di un avversario al 21′, 29′ e 42′ del primo tempo che portava il direttore di gara a interrompere la partita al 30′ per far effettuare l’annuncio volto alla cessazione del suddetto coro. Disposta la trasmissione, a cura della Procura federale, di maggiori elementi di dettaglio per identificare i soggetti responsabili, con la collaborazione della Lazio, ai fini di eventuali ulteriori provvedimenti; diecimila euro alla Spal per coro offensivo, da parte dei propri tifosi, al direttore di gara e per aver lanciato la buccia di un frutto che colpiva l’arbitro al capo, senza conseguenze; 5mila euro alla Juventus per non aver impedito l’ingresso in campo di un proprio tifoso a bordo di un veicolo pubblicitario; 4mila al Genoa per lancio, da parte di propri tifosi, di un accendino verso il direttore di gara; duemila euro ulteriori alla Lazio per lancio di una bottiglietta di plastica vuota, da parte di propri sostenitori.