SERIE A – Castellacci (Medici del Calcio): “No ai calciatori in quarantena, bisogna responabilizzarli. Sì al protocollo tedesco”

"Finora sono stati fatti protocolli non applicabili. È inconcepibile dare la responsabilità solo al medico che ce l'ha nel dna", dice l'ex medico della Nazionale

castellacci-enrico-medico

Foto: E. Castellacci

Fonte: Sky |

Il prof. Enrico Castellacci, presidente dell’Associazione Medici del Calcio ed ex medico della Nazionale, parla del protocollo sanitario per la Serie A e esprime le sue perplessità.

“Ricominciare il 13 giugno? Penso si possa fare, ma solo se si prendono, finalmente, delle decisioni. È indispensabile conoscere una data d’inizio per programmare gli allenamenti. Penso si possa ricominciare e me lo auguro”.

Gli allenamenti di squadra sarebbero dovuti cominciare oggi, ma il via è slittato in attesa che il Comitato tecnico-scientifico dia il placet al protocollo presentato dalla Federazione, riveduto e corretto secondo le richieste ministeriali. “Finora sono stati fatti protocolli non applicabili – prosegue Castellacci -. È inconcepibile e paradossale che la responsabilità sia data solo al medico, che la responsabilità civile e penale ce l’ha nel dna. Ha ragione chi dice che non si possono costringere i calciatori a un’ulteriore quarantena, bisognerà piuttosto responsabilizzarli, cercando di essere un pochino più flessibili ed entrando nella logica tedesca, non in quella della quarantena in caso di Covid 19″.

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati