Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

SERIE A – Bengala e striscione dedicato a Conte, arriva l’ammenda per l’Us Lecce: il Giudice sportivo della 20ª

Cinquemila euro di ammenda per l’Us Lecce per via di due bengala e dello striscione dedicato a Antonio Conte. Il Verona non potrà schierare il centrocampista Zaccagni domenica contro i giallorossi. Ecco tutte le decisioni del Giudice sportivo dopo la prima giornata di ritorno:

CALCIATORIDue giornate e diecimila euro di ammenda per Mario Balotelli (Brescia): “Per comportamento scorretto verso un avversario; già diffidato; per avere, al 36′ del secondo tempo, all’atto del provvedimento di ammonizione, indirizzato all’arbitro un’espressione irriguardosa accompagnata da plateale gestualità”. Un turno a testa per Mattia Bani (Bologna), Julian Chabot (Sampdoria), Temitayo Aina (Torino), Antonio Candreva (Inter), Francesco Cassata (Genoa), Henrique Dalbert (Fiorentina), Fabio Pisacane (Cagliari), Eduardo Rincon (Torino), Nicola Sansone (Bologna), Mattia Zaccagni (Verona).

ALLENATORI/STAFF TECNICO – Una giornata di stop e tremila euro di ammenda per Jens Bangsbo (Atalanta) e Tullio Gaetano Gritti (Torino).

AMMENDE5mila euro al Lecce “per avere, suoi sostenitori, nel corse della ara, lanciato nel recinto di gioco due bengala (sanzione attenuata ex art. 29 comma 1 lett. b); per responsabilità oggettiva per l’esposizione di uno striscione insultante nei confronti dell’allenatore della squadra avversaria”; 4mila euro al Milan (ritardo ingiustificato di cinque minuti).