VIRTUS MATINO – Costantino: “Speriamo di poter tornare a festeggiare sui campi di calcio. Ora vinciamo questa partita”

"Stiamo vivendo una situazione mai successa,  molto difficile da gestire. Nessuno pensava potesse accadere qualcosa di simile"

placi-michele-costantino-cristina-vetrugno-alex-matino-mar-20

Foto: da sx: M. Placì, C. Costantino, A. Vetrugno

Lo stato di assoluta emergenza che ha colpito in queste settimane l’Italia, come ormai noto si è riflesso anche sul mondo dello sport, toccando ovviamente il calcio, anche quello dilettantistico, che ad oggi dovrebbe riprendere il suo regolare svolgimento dopo il 3 Aprile, salvo nuove comunicazioni. Una situazione difficile, surreale, che in questo momento però va affrontata e combattuta nel migliore dei, come racconta in esclusiva per SalentoSport, Cristina Costantino, presidentessa della Virtus Matino.

METODOLOGIE DI ALLENAMENTO 
“Ovviamente in questo momento drammatico parlare di calcio passa in secondo piano. Noi della Virtus Matino abbiamo completamente cambiato abitudini e ovviamente non esiste più la settimana tipo. Ogni calciatore riceve dal professor Michele Placì un programma da svolgere quotidianamente, con tutto il lavoro che va monitorato seguendo determinati valori e parametri. Il tutto è stato concordato dallo staff tecnico al completo. Questo serve anche ai ragazzi per cercare di mantenersi in forma senza perdere di vista l’obbiettivo iniziale, anche se oggi è tutto davvero molto surreale e difficile. La speranza è che entro il 3 aprile tutto possa risolversi e si possa vivere con maggiore serenità la vita quotidiana”.

STOP FINO AL 3 APRILE – “Stiamo vivendo una situazione mai successa, molto difficile da gestire. Nessuno pensava potesse accadere qualcosa di simile; purtroppo le difficoltà sono legate ad accordi già trovati e che dovranno subire variazioni, a voli aereo e rientri già stabiliti che dovranno cambiare. Noi come società abbiamo dato piena libertà di scelta ai calciatori e chi non se la fosse sentita di aspettare avrebbe avuto tranquillamente la possibilità di rientrare. La squadra all’unanimità ha deciso di proseguire e di attendere questa data prefissata, con la voglia di tornare a gioire tutto insieme sul campo”.

TRA SPERANZA E PREOCCUPAZIONE – “Personalmente mi auguro che tutto possa risolversi nei tempi stabiliti, ma un’analisi lucida mi porta a pensare che tutto ciò sia veramente molto difficile, magari si potranno avere dei segnali positivi, però credo che si andrà oltre. Se così fosse, le difficoltà aumenterebbero, sia per noi società, sia per chi dovrebbe restare fuori per ben 10 mesi. In tal caso dovremmo capire come affrontare il tutto. Ora però cerchiamo di superare tutti uniti questo momento, sperando di tornare alla normalità e di poter festeggiare sul campo tutti i nostri sacrifici. Non voglio pensare che la stagione finirà in modo anomalo, perché significherebbe soprattutto che il nostro Paese non sarà ancora riuscito a sconfiggere questo mostro, e questo non dovrà avvenire, insieme ce la potremo fare. Vinciamo questa partita”.

Redazione SALENTOSPORT
Nata il 23 agosto 2010. Vincitrice del premio Campione 2015 come miglior articolo sportivo, realizzato da Lorenzo Falangone. Eletta "miglior testata giornalistica sportiva salentina" nelle edizioni 2017 e 2018 del "Gran Premio Giovanissimi del Salento". Presente al "FiGiLo" (Festival del Giornalismo Locale) nell'edizione 2018.
https://www.salentosport.net

Articoli Correlati